martedì 20 agosto 2019
menu
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
gio 6 ott 2016 19:00 ~ ultimo agg. 19:01
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Continueremo ancora più determinati nella nostra battaglia per la scuola pubblica, ricorremmo al Tar se necessario, chiederemo l’attivazione del referendum comunale chiedendo alla cittadinanza di esprimersi direttamente, proporremo scioperi bianchi, parteciperemo a ogni Openday in ogni scuola esternalizzata”. Lo dichiara il gruppo “Giù le mani dalle scuole di Rimini” che rinnova l’appuntamento per sabato mattina alle 11 in piazza Cavour contro il progetto di esternalizzazione previsto dall’Amministrazione Comunale di Rimini.

Esprimendo preoccupazione per la notizia del cofronto con i sindacati, il gruppo smentisce le mottivazioni addotte dall’Amministrazione, in particolare le difficoltà dovute alle normative sui bilanci degli enti pubblici: “Le soluzioni sono già state ampiamente trovate, dibattute e verificate, la possibilità di stabilizzare le maestre precarie già formate e preparate presenti nelle graduatorie comunali è ormai cosa risaputa. La volontà di procedere al bando europeo senza aprire un reale confronto con la cittadinanza, lascia sempre più aperti ragionamenti che nulla hanno a che fare con la qualità del servizio”.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Andrea Polazzi
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
VIDEO
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna