venerdì 18 gennaio 2019
di Simona Mulazzani   
lettura: 2 minuti
mar 4 ott 2016 11:21
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Riguarda 344 fabbricati di 30 vie nella zona di Rimini Nord la nuova ordinanza emessa dal comune per adeguare gli allacci casalinghi alla nuova rete fognaria sdoppiata. Procede il Piano di Salvaguardia della Balneazione, che ha già messo in cantiere il 60% dei lavori preventivati. Sono già 1.400 gli allacci privati che si sono regolarizzati.

Ciascun utente potrà provvedere autonomamente e presentare ad Hera entro il 2 marzo 2017 la richiesta di autorizzazione allo scarico delle acque bianche/nere alla fognatura comunale. In alternativa, il Comune autorizza i tecnici incaricati da Hera a effettuare un sopralluogo in area privata per verificare lo stato dell’impianto fognario, senza alcuna spesa per i cittadini. Il proprietario sarà tenuto ad eseguire eventuali lavori al massimo entro il 2 giugno 2017. Sarà possibile scegliere se far realizzare l’intervento ad un’impresa di fiducia oppure direttamente a Hera.

La nuova ordinanza sarà distribuita negli immobili interessati dal 5 ottobre e ci sarà un incontro pubblico l’11 ottobre.

PSBO: a che punto siamo

Gli interventi già conclusi sono quattro:

– il risanamento fognario di Rimini Isola (circa 4 mln di euro);

– il raddoppio del depuratore di Santa Giustina” (circa 26 mln di euro);

– e la relativa condotta di adduzione denominata “Dorsale Nord” (circa 17 mln di euro);

– la Vasca di Laminazione Ospedale (4,5 mln di euro).

 

Sono attualmente in corso altri quattro cantieri:

– intervento Piazzale Kennedy (circa 30 mln di euro);

– la riconversione del depuratore Marecchiese in vasca di accumulo (realizzato circa l’85% delle opere e in via di completamento);

– realizzazione della Dorsale Sud (primo stralcio concluso; secondo stralcio iniziato a dicembre 2015, prevista conclusione entro la prima metà del 2017);

– la separazione delle reti fognarie della zona nord, che coinvolge direttamente i cittadini a cui è stato chiesto, attraverso apposite ordinanze, di regolarizzare i propri allacci alla rete fognaria separata. Anche grazie alla collaborazione dei riminesi è già stato raggiunto un primo grande risultato con la riconfigurazione delle fosse ‘Spina-Sacramora’ e ‘Turchetta’, già diventate scarichi di “sole acque meteoriche di drenaggio”, e si arriverà presto al completamento  della prima parte di tali interventi.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna