Svelata giovedì sera al pubblico la T12 di Massimo Tamburini (gallery)

Svelata giovedì sera al pubblico la T12 di Massimo Tamburini

in foto: La T2 di Massimo Tamburini

Un pubblico numeroso ed emozionato ha assistito ieri (giovedì) sera al disvelamento in anteprima mondiale di un capolavoro dell’ingegno di un maestro riminese del mondo delle moto. Flash e applausi in piazza Cavour per la presentazione al pubblico della T12, la moto ‘ideale’ pensata e progettata da Massimo Tamburini, uno dei più apprezzati tecnici e designer di moto al mondo.

Un gioiello motoristico progettato da Tamburini fino al dettaglio prima della sua prematura scomparsa e trasformato poi in realtà dalla famiglia, che ha deciso di mostrarlo per la prima volta al pubblico nella città dove tutto è iniziato.

Ad avere l’onore di togliere i veli alla T12 la figlia Morena e il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, insieme alla moglie di Massimo Tamburini, Pasquina e agli altri due figli Simona e Andrea, che al microfono del giornalista Marco Masetti ha illustrato la filosofia che ha ispirato il padre nella ideazione di questo ultimo capolavoro. Tra gli interventi anche quello di Guido Meda, voce della MotoGp per Sky Sport.

La T12 – una moto supersportiva nata per la pista, spinta dal motore BMW 1000 derivato dalla SBK – rappresenta il ‘pezzo’ di punta della mostra Massimo Tamburini – The Dream in corso alla Far Fabbrica Arte Rimini fino a domenica, una delle iniziative che compongono il ricco calendario di eventi dedicati al mondo dei motori promossi dal Comune di Rimini in occasione del Gp di San Marino e della Riviera di Rimini.

Accanto a quella che avrebbe dovuto essere la moto “senza compromessi” di Massimo Tamburini, la mostra racconta la storia del designer riminese (premiato col Sigismondo d’oro nel 2012) attraverso l’esposizione di dodici tra i suoi più bei modelli, capolavori che hanno segnato la storia della motocicletta nel mondo.

Un primo piano di Simoncelli, appoggiato su una pila di pneumatici e testa con ancora il casco indosso chinata subito dopo una caduta al Gp di Misano del 2009: un’immagine che racchiude la delusione per l’occasione persa, il rimpianto del pilota appena uscito di pista. È questo scatto “Simoncelli crash”, realizzato da Fermino Fraternali, ad essersi aggiudicato l’edizione 2016 di Rimini Racing Shot, il contest fotografico internazionale quest’anno dedicato ai 40 anni di storia del circuito “Marco Simoncelli” di Misano Adriatico.

La premiazione del vincitore del contest – ideato da Gigi Soldano, uno dei decani della fotografia ‘in pista’, organizzato dal Comune di Rimini in collaborazione con Nikon Italia e Dorna – è avvenuta ieri sera al foyer del Teatro Galli, sede della mostra (aperta fino a domenica) che raccoglie i migliori scatti dei 41 fotografi della MotoGp accreditati Dorna che hanno partecipato al concorso.

A scegliere l’immagine vincitrice è stata una speciale giuria artistica composta da dieci qualificati membri, in rappresentanza del mondo dell’arte, della fotografia e della stampa specializzata (Lucio Cecchinello, Team Manager LCR Honda; Gilles De Paoli, Nikon Italia; Aldo Drudi, Designer; Ippolito Fassati, Direttore Sito MOTO.it; Paolo Ianieri Giornalista Pagina Motori Gazzetta dello Sport; Marco Masetti, Giornalista Sportivo; Stefania Molteni Photo Editor Rivista Riders; Alberto Porta – Giornalista inviato di Sport Mediaset; Massimo Pulini Storico dell’arte, pittore, Assessore alla Cultura del Comune di Rimini; Toni Thorimbert Fotografo).

Il tedesco Ronny Lekl è invece il vincitore della categoria social: la sua foto “Valentino Rossi, the shadow” (2015) è stata la più votata sulla pagina facebook del concorso (facebook.com/riminiracingshot) raccogliendo 2.700 likes. Anche quest’anno un premio è andato alla foto più fortunosa: è quella realizzata dal ceco Jiri Nykodym intitolata “Like a superman”, scattata a Misano nel 2014.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI

Sabato 10 settembre due importanti appuntamenti concluderanno la settimana riminese dedicata al mondo dei motori: la presentazione in anteprima del libro “L’era d’oro di Bimota” in programma alle ore 18 negli spazi del Teatro Galli di Piazza Cavour, in cui Giuseppe Morri, uno dei fondatori dell’azienda riminese, porta la propria testimonianza diretta raccontata da Saverio Livolsi, e alle ore 19 sempre in piazza Cavour la Celebrazione del 25° Anniversario Bimota Club Germania (BCD).

Inoltre proseguono fino a domenica 11 le tre mostre allestite al foyer del Teatro Galli e alla Far. Oltre alla mostra fotografica Rimini Racing Shot, il Teatro ospita “I colori del motomondiale”, esposizione curata dal designer Aldo Drudi e che propone le factory bikes delle squadre ufficiali partecipanti al motomondiale, le tute e i caschi indossati dai campioni.

Le mostre – I colori del motomondiale, Rimini Racing Shot, Massimo Tamburini The Dream – rimarranno aperte dalle ore 10 alle 13 e dalle 16 alle 23 fino a domenica 11 settembre.

Icaro Sport

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454