martedì 19 febbraio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
ven 16 set 2016 17:11
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Montecopiolo e Sassofeltrio tornano ad alzare la voce e chiedere alle istituzioni di rispettare il voto popolare che nel referendum del 2007 si espresse a favore del passaggio dalle Marche all’Emilia Romagna. Questa mattina i comitati cittadini dei due comuni in una conferenza stampa sono tornati, a nove anno dal voto, a ribadire per l’ennesima volta le proprie ragioni. All’appuntamento ha presenziato anche la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Raffaella Sensoli: “come giustamente hanno sottolineato i cittadini nei loro interventi – rileva – quella di dover attendere il nulla osta della Regione Marche alla ratifica del passaggio è un falso problema visto che si tratta solo ed esclusivamente di un parere consultivo. La verità – attacca la Sensoli – è che questo gravissimo ritardo si giustifica unicamente con la spaccatura interna al Partito Democratico con la parte marchigiana che spinge per non cedere i due Comuni all’Emilia-Romagna e quella emiliano-romagnola (che evidentemente conta di meno) che invece sarebbe favorevole a questo passaggio.
L’esponente del 5 Stelle, in una risoluzione, chiede alla Giunta Regionale l’impegno a manifestare alle Marche “l’esigenza di assicurare il tempestivo accoglimento della proposta di distacco dei Comuni di Montecopiolo e Sassofeltrio e della loro aggregazione alla regione Emilia-Romagna”. La consigliera rileva anche l’evidente disparità “rispetto all’Alta Valmarecchia che, a seguito del referendum svoltosi nel dicembre 2006, è riuscita a distaccarsi dalla Regione Marche nel 2009”.
Sensoli invita quindi la Giunta a richiedere al Governo e al Parlamento ogni azione diretta a far rispettare la volontà dei cittadini espressa nel referendum territoriale del giugno 2007 e a sollecitare pareri coerenti con la volontà dei cittadini da parte delle Regioni interessate, anche attraverso confronti nell’ambito delle conferenze dei presidenti delle Regioni e dei Consigli regionali.

Altre notizie
di Redazione
Come cambia la "performance"

C'era una volta il concerto

di Maurizio Ceccarini
Notizie correlate
di Redazione
di Andrea Polazzi
mediazione aziendale

Che cos'è il workfare?

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna