mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: La fiera di Rimini
di Simona Mulazzani   
lettura: 1 minuto
gio 22 set 2016 13:40
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Torna a Rimini, dal 26 al 30 settembre, Tecnargilla, rassegna internazionale dedicata alle tecnologie per la ceramica e il laterizio, giunta alla 25esima edizione. Saranno 500 gli espositori, il 40% esteri, provenienti da 25 nazioni diverse.

Si tratta di una fiera che si svolge nei padiglioni riminesi dal 2002, quasi in coincidenza con l’importante scelta, fatta nel 2003, dell’associazione di categoria Acimac di interrompere la partecipazione della collettiva italiana alla concorrente fiera tedesca Ceramitec ed investire in una fiera sul territorio.  Decisione che ha fatto crescere in modo esponenziale Tecnargilla, elvandola a fiera internazionale.

Per Lorenzo Cagnoni, Presidente di Rimini Fiera “Tecnargilla è diventata la fiera leader nel campo delle tecnologie dedicate all’industria ceramica e un polo attrattivo di grande valenza per tutti gli operatori internazionali del settore. Paolo Gambuli, direttore generale di Acimac, aggiunge: “Di fatto, da semplice vetrina dedicata alla meccanica strumentale, oggi la fiera è in grado di ospitare tutti i settori della fornitura all’industria ceramica, dalle materie prime, ai colorifici, agli studi di design e fornisce stimoli su trend futuri legati all’estetica in ceramica, al design e all’architettura”.

Tra le novità, il debutto di T-White la nuova area espositiva dedicata alla produzione di macchinari e impianti per la produzione di sanitari e stoviglieria in ceramica.

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna