Indietro
menu
Attualità Riccione

Videosorveglianza, illuminazione e iniziative per il progetto sicurezza

In foto: Al tavolo rappresentanti del comune, della Regione e delle categorie economiche
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 29 lug 2016 15:22 ~ ultimo agg. 30 lug 16:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

11 telecamere in più a presidio della città, illuminazione potenziata, a partire da piazzale Roma e la spiaggia antistante, viale Tasso e piazza dell’Unità, ma anche iniziative culturali (approfondimenti su traffico internazionale di droga, rapporto tra media e cronaca ed evoluzione di fenomeni criminosi) e sociali, in collaborazione con l’associazione Dig, per far crescere la percezione di sicurezza tra residenti e turisti. Sono questi gli aspetti che caratterizzano il “progetto su sicurezza e riqualificazione urbana” del comune di Riccione. Il costo complessivo delle varie azioni è di 145mila euro, 80mila finanziati dalla Regione che ha apprezzato l’approccio integrato al tema della sicurezza.

[kaltura-widget uiconfid=”30012024″ entryid=”0_4315s6ws” width=”400″ height=”175″ /]

Si tratta di un progetto di cui abbiamo condiviso appieno la filosofia – spiega Gianguido Nobili, responsabile Area sicurezza Urbana e Legalità Regione Emilia-Romagna -. Perché vent’anni di politiche sulla sicurezza ci hanno fatto capire che non basta una mono azione, ma serve un impegno su più fronti“. “I finanziamenti ci permetteranno – afferma Luciano Tirincanti, assessore alla Polizia Municipale – di posizionare undici nuove telecamere di ultima generazione nei luoghi sensibili della città. Luoghi che saranno individuati in sinergia con le altre forze dell’ordine. Si vanno ad aggiungere alle dodici che abbiamo già attive. Avremo anche a disposizione un lettore di targhe che sarà messo all’uscita dell’A14 e che ci permetterà di verificare tutte le auto che entreranno sul territorio comunale“. Si tratta di un  importante deterrente per i malintenzionati, ma permette anche di verificare la regolarità dell’auto: bollo, assicurazione. La PM di Riccione ha già in dotazione uno strumento di questo tipo mobile, il nuovo invece sarà fisso.

Per sviluppare nuove politiche di sicurezza il comune ha deciso di aderire al FISU, Forum Italiano sulla sicurezza urbana. A settembre, la perla verde ospiterà il primo premio dedicato alle migliori politiche attuate su questi temi dalle pubbliche amministrazioni. E si tratta del primo passo verso un importante appuntamento che si terrà a maggio prossimo: “Siamo orgogliosi di annunciare – ha detto Renata Tosi, sindaco Riccione – che tra fine maggio e inizio giugno ospiteremo il Forum  Europeo per la Sicurezza Urbana. Prima di noi in Italia è stato fatto solo a Roma e Genova. Arriveranno esperti della sicurezza da tutta Europa, li accoglieremo ma soprattutto ci confronteremo con loro, perché sempre più il tema della sicurezza è legato alla scelta delle nostre vacanze e quindi incide sull’economia turistica

 

 

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
VIDEO