Indietro
menu
Rubicone Scuola

Posa della prima pietra per la scuola elementare di San Mauro P.

In foto: Posa prima pietra con il presidente Bonaccini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 12 lug 2016 12:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Posa della prima pietra questa mattina per la nuova scuola elementare di San Mauro Pascoli. Alla cerimonia, insieme al sindaco Luciana Garbuglia, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini.
Il nuovo polo scolastico sorgerà nella zona Villagrappa su un’area di 13.885 metri quadrati. Oltre alla scuola primaria, la prima per cui partiranno i lavori ci sarà  un asilo nido, una scuola dell’infanzia, una palestra, gli uffici dell’istituto comprensivo e la mensa. Un intervento da 2 milioni di euro, con un finanziamento di 1 milione grazie alla Regione che lo ha inserito fra i progetti ammessi all’utilizzo di fondi Bei – Banca europea degli investimenti.

SanMauro_Targa
Oggi parte un cantiere che costruisce futuro– afferma il presidente Bonaccini- visto che daremo ai nostri figli, ai nostri ragazzi, una scuola più sicura e accogliente”.

La nuova scuola di San Mauro Pascoli
Il polo scolastico sarà intitolato a Gianfranco Zavalloni, maestro ed educatore (scomparso nel 2012).
Il progetto è dell’architetto Tullio Zini. L’intero polo scolastico è stato pensato per potersi adattare agli sviluppi della scuola in un futuro prossimo, caratterizzato dall’introduzione di sistemi d’insegnamento che cambiano il rapporto insegnante/studente e dallo sviluppo di spazi aperti e di condivisione (classi separate da pannelli a scorrimento, giardini d’inverno, mini-atelier), sul modello degli spazi continui, come si sta sempre più diffondendo in Italia e soprattutto in nord Europa.
Gli edifici saranno realizzati in classe energetica A grazie al forte isolamento termico delle pareti, all’uso di vetri a bassa emissione, di un sistema di riscaldamento a bassa temperatura come i pannelli radianti a pavimento, senza ricorrere al gas e ricorrendo a materiali di costruzione ecocompatibili, come il legno.