Indietro
menu
Contenuto sponsorizzato Montefeltro

Il prodigio Giuseppe  Gibboni al San Leo Festival 2016


Contenuto Sponsorizzato
In foto: dalla locandina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 1 lug 2016 08:47 ~ ultimo agg. 2 lug 12:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ad apertura dell’edizione 2016 del “San Leo Festival”, un concerto straordinario del giovanissimo talento violinistico Giuseppe Gibboni domenica 3 luglio alle 21 al Palazzo Mediceo.

Giuseppe Gibboni, 15 anni, nato a Salerno, vincitore di numerosi concorsi internazionali, proviene da una famiglia di musicisti composta dal papà Daniele violinista, dalla mamma Gerardina pianista, e dalle due sorelle violiniste Annastella e Donatella.

Nonostante la giovanissima età è stato scelto anche dal grande violinista Salvatore Accardo per frequentare i corsi della prestigiosa Accademia Stauffer di Cremona. Ha partecipato, vincendo sempre il 1° premio, a decine di concorsi per giovani violinisti, si è già esibito in concerti su tutto il territorio nazionale e in svariate trasmissioni televisive di grande ascolto ed è detentore del record mondiale di velocità nell’esecuzione del “volo del carbone”(Rimskij-Korsakov) in 50 secondi. Si è esibito in tutto il territorio nazionale in circa 300 concerti sia come solista sia con la famiglia.

Tutti gli appassionati di musica e del “San Leo Festival”, avranno modo di apprezzare la maestria di Gibboni domenica 3 Luglio alle ore 21 presso il Palazzo Mediceo di San Leo (Info biglietti: Ufficio Turistico I.A.T. Tel. 0541/926967).

Gibboni offrirà al pubblico del “San Leo Festival” un repertorio è completamente incentrato sul virtuosismo violinistico, musiche di Paganini, De Salassate, Rimskij-Korsakov.

Lo accompagna al pianoforte Fabio Silvestro, giovane pianista di grande esperienza in ensemble di musica da camera con i quali ha vinto svariati primi Premi in competizioni internazionali e che ha collaborato come maestro accompagnatore con l’Accademia di Santa Cecilia di Roma e con altre prestigiose istituzioni musicali italiane. Il concerto di Gibboni è il primo dei concerti “master class” e apre i corsi di perfezionamento in programma dal 3 luglio al 17 agosto che arricchiscono come consuetudine il Festival di San Leo.


 

IL FESTIVAL

Il 10 Luglio si aprirà poi ufficialmente la settima edizione del “San Leo Festival” sotto la direzione artistica M° Stefano Cucci. Protagonista della prima serata il premio Oscar Nicola Piovani ed il suo quintetto che domenica 10 Luglio, alle ore 21.00 nella suggestiva cornice di Piazza Dante, sarà impegnato con lo spettacolo dal titolo  La musica è pericolosa.20160616164526_9ManifestoPiovani10Luglio

Piovani racconterà attraverso un percorso fra le sue più famose colonne sonore del cinema e del teatro, la propria esperienza di musicista ed il valore straordinario della musica, cassa di risonanza delle nostre emozioni, come potente affabulatrice e straordinario mezzo di comunicazione e di liberazione in una società che sempre più ha bisogno di bellezza e di fantasia.

La musica è pericolosa perché va al cuore specie quando risuona fra umori notturni e chiarori lunari.

Il 20 luglio il secondo concerto, in sede da definire, vedrà in scena l’Orchestra di Piazza Vittorio, uno dei gruppi musicali più amati degli ultimi anni.

Con l’Orchestra, composta da musicisti straordinari provenienti da diverse culture extraeuropee e con strumenti musicali multietnici, l’originale Ensemble fondata da Mario Tronco proporrà il Credo, un oratorio interreligioso su testi di Padre Mendonca.

Un avvincente cammino nella spiritualità dove canti della tradizione sufi (misticismo islamico) e della cultura africana si alterneranno a rielaborazioni di celebri brani della cultura musicale occidentale in un riuscitissimo percorso che incanta lo spettatore e lo trasporta in una meditazione multisensoriale fatta di immagini, di suoni, di parole nel comun denominatore della fede universale che testimonia la fratellanza degli uomini.

Il 25 luglio il terzo concerto nel Palazzo Mediceo, avrà come protagonista l’Ensemble Musica d’Oggi, uno dei più prestigiosi gruppi strumentali dediti alla musica del ‘900 e contemporanea.

L’Ensemble, diretto dal giovane Michele Reali proporrà un programma di grande interesse: la Suite op.1 di Nielsen, un brano di Marcello Panni tratto dal Garibaldi, un fascinoso brano per archi di Ada Gentile e la bellissima Apalachian Spring di Aron Copland, uno dei brani più amati dal pubblico di tutto il mondo.

Il 6 agosto, nella suggestiva cornice del Duomo, si chiuderà la rassegna con l’Ensemble Pentarte diretto da Stefano Cucci.

Il programma spazia da due classici della musica italiana del ‘900 Casella e Petrassi a Ennio Morricone che sarà presente in sala con il suo Epitaffi Sparsi ed Albino Taggeo con Oniride per archi, fiati, pianoforte e due soprani in prima esecuzione assoluta.

Musiche di: Saint Saens, Petrassi, Taggeo, Morricone

Ensamble Pentarte

Soprani
Tiziana Scandaletti
Marta Vulpi

Pianista
Riccardo Piacentini

Direttore
Stefano Cucci

Informazioni e  prevendita dei biglietti  presso l’ Ufficio Turistico I.A.T.: Telefono 0541/ 926967  –   0541/916306    info@sanleo2000.it     www.san-leo.it   Città di San Leo