Indietro
venerdì 4 dicembre 2020
menu
Meteo Rimini

Caldo: scatta l'allerta. A Rimini contattati 480 anziani ma il picco deve ancora arrivare

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 11 lug 2016 15:42 ~ ultimo agg. 12 lug 10:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 2.047
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Protezione civile dell’ Emilia-Romagna ha diramato una fase di attenzione per temperature estreme che riguarda tutte le zone di pianura fino alle 20 di martedì.
Già oggi previste massime superiori a 35 gradi nelle aree di pianura, con punte che potranno arrivare a 37. Martedì la debole-moderata circolazione da sudovest incrementerà le massime sul settore centro-orientale con valori che si attesteranno sui 36-37 gradi con locali punte di 38. Mercoledì l’avvicinamento di una perturbazione atlantica porterà un abbassamento di 3-4 gradi, più marcato nel settore occidentale.
Le temperature elevate con gli alti tassi di umidità e la scarsa ventilazione potranno determinare condizioni diffuse di disagio bio-climatico. Le temperature elevate possono influire sulle condizioni di salute delle persone più anziane e vulnerabili e possono determinare spossatezza, in particolare colpi di calore e disidratazione a seguito di prolungata esposizione al sole e/o attività fisica.

Sono 480 le telefonate effettuate agli anziani nell’ambito del progetto “Emergenza caldo” curato dal Comune di Rimini in rete con gli altri Comuni della Provincia, l’Azienda Usl della Romagna, e in sinergia con i medici di medicina generale e le associazioni di volontariato.

Un’attività particolarmente intensa in questi giorni di caldo, che rappresenta un potenziale rischio per le categorie più fragili a partire gli ultra 75enni, soprattutto se già affetti da patologie respiratorie e cardiovascolari e che vivono in condizione di solitudine ed isolamento. Con l’obiettivo di supportare questa fascia sensibile, gli operatori monitorano quotidianamente la popolazione anziana del territorio provinciale (che nel Comune di Rimini conta quasi 18mila persone, oltre 25mila nel distretto) sulla base di una mappa delle fragilità costruita con riferimento ai dati dell’anagrafe poi aggiornata nel tempo, e dalle segnalazioni raccolte dei Medici di Medicina Generale e degli assistenti sociali del Servizio Assistenza Anziani che, da un lato, segnalano utenti considerati a rischio bioclimatico per particolari patologie o per solitudine, dall’altro, forniscono informazioni utili su anziani già monitorati, la cui situazione richiede approfondimenti. Particolare attenzione viene dedicata agli anziani che vivono da soli, perché ritenuti a maggior rischio di fragilità e solitudine sociale.

Si tratta di uno screening continuo (nel 2015 sono state effettuate 3.967 telefonate) che si intensifica nelle giornate più critiche, come quella odierna, di domani e mercoledì, classificate secondo l’indice di Thom (che incrocia umidità e temperatura) come di ‘forte disagio’.(gli aggiornamenti dal sito Arpa)

Attraverso i contatti telefonici quotidiani non solo si monitora la situazione, ma è anche l’occasione per ricordare alcuni comportamenti virtuosi che possono migliorare la quotidianità e prevenire l’insorgere di situazioni di pericolo. E’ stato inoltre individuato uno spazio condizionato (Fiera di Rimini) dove poter temporaneamente far sostare durante le ore più calde gli anziani in caso di forte disagio prolungato.

Contatti – Il nuovo numero telefonico per contattare il Servizio è 0541.1490572. E’ sempre attivo un indirizzo di posta elettronica emergenzacaldo@coopcad.it al quale possono rivolgersi tutti i cittadini anche per segnalare situazioni da loro conosciute che potrebbero necessitare di un monitoraggio o di un intervento di supporto.

Altre notizie
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione