Indietro
menu
Attualità Economia

Comparto nautico, Rimini al top: 1260 dipendenti e 307 milioni di fatturato

In foto: Repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 20 lug 2016 11:28 ~ ultimo agg. 12:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Rimini è tra i distretti produttivi del comparto nautico con più dipendenti, maggiore fatturato e più alto valore della produzione in Italia, secondo solo ai cantieri di Viareggio. A stilare la classifica, resa nota dall’onorevole Tiziano Arlotti, sono UCINA Confindustria Nautica e Fondazione Edison che la presenteranno poi in settembre al Salone Nautico di Genova.

La provincia di Rimini conta 1260 dipendenti in un comparto che segna 307 milioni di euro di fatturato e un valore della produzione di 313 milioni.

L’indagine sull’andamento dell’anno nautico in corso conferma il trend positivo per il settore in Italia, con una crescita prevista intorno al 7,5% per l’anno nautico 2016 – riferisce il deputato PD riminese Tiziano Arlotti. Nel 2015 il fatturato è aumentato del 12% circa salendo a 2,8 miliardi dai 2,5 del 2014. Anche i segnali dei comparti accessori e motori (per la vendita di fuoribordo, nell’ultimo biennio, si è assistito ad una crescita del 40%), sono incoraggianti e trainanti per tutta la cantieristica. Il settore nautico sta rialzando la testa, dopo otto anni di crisi drammatica, la ripresa è incoraggiante e in 3-4 anni potrebbe tornare sopra i 4 miliardi di fatturato”.

Un altro segnale incoraggiante è la ripresa del mercato interno, che dopo i provvedimenti fiscali del governo Monti era crollato del 90%, con 40 mila barche che avevano lasciato i porti turistici italiani. “Con l’abolizione della tassa di stazionamento delle imbarcazioni da diporto, inserita in Legge di stabilità grazie all’emendamento a mia firma, nei primi 5 mesi del 2016 il leasing nautico è aumentato del 44% in termini di contratti e del 26% in valore. Nel 2015 l’aumento in valore era stato invece superiore all’aumento dei contratti. Questo vuol dire che anche il mercato interno è in ripresa e che si sta riducendo il valore medio dei contratti, cioè che tornano ad avvicinarsi alla nautica anche consumatori di reddito medio”.

In Italia la filiera nautica conta ben 18 mila unità produttive con 180 mila operatori e un moltiplicatore di attività che è tra i più alti dell’industria: si calcola infatti che per ogni occupato nella cantieristica nautica diportistica, si generano 7,4 posti di lavoro nei settori contigui (porti turistici, turismo nautico, manutenzioni, rimessaggi…).

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione