Indietro
menu
Ambiente Provincia

Lavoratori esposti ad amianto. Entro fine giugno domande per benefici previdenziali

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 27 giu 2016 10:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ci sono anche gli operati delle Officine Grandi Riparazioni di Rimini e della Sicit di Pennabilli tra i lavoratori che entro il 30 giugno possono presentare la domanda per i benefici previdenziali riconosciuti agli ex lavoratori occupati in imprese che hanno svolto attività di scoibentazione e bonifica, affetti da patologie derivanti da esposizione all’amianto. Ci sono a disposizione due milioni di euro per ogni anno del triennio 2016-2018.

Lo riferisce il deputato PD riminese Tiziano Arlotti, che informa come l’Inps, con il messaggio 2769 del 21 giugno 2016, abbia fornito le istruzioni operative per l’attribuzione, entro il 2018, delle risorse del fondo finalizzato all’accompagnamento alla quiescenza.

Il tema – ricorda Arlotti – interessa anche il nostro territorio: ricordo tra i casi più significativi quelli della Sicit a Pennabilli e delle Officine grandi riparazioni di Rimini. I destinatari possono beneficiare, fino alla prima decorrenza utile della pensione di anzianità, di un sussidio per l’accompagnamento alla pensione pari all’importo dell’assegno sociale, che può essere riconosciuto dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018. I medesimi soggetti possono conseguire il diritto alla decorrenza della pensione di anzianità, negli anni 2016, 2017 e 2018, anche tenendo conto della contribuzione figurativa accreditata nel periodo di percezione del sussidio e della conseguente maggiorazione dell’anzianità assicurativa e contributiva”.

la modulistica la si trova sul sito Inps, con codice AP99.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione