sabato 19 gennaio 2019
In foto: Giuseppe Lo Magro con i sindaco di Riccione Renata Tosi
di Redazione   
lettura: 1 minuto 1.801 visite
mer 2 mar 2016 15:04 ~ ultimo agg. 3 mar 13:25
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1.801
Print Friendly, PDF & Email

Una raccomandata amara quella che è arrivata nella buchetta della Famija Arciunesa. Anche la storica associazione riccionese, come già successo alle altre ospitate in immobili pubblici, dovrà lasciare i locali che occupava, il primo piano della casa colonica nel parco della Resistenza di Riccione, sfrattata dal comune in attesa del bando che riassegnerà gli spazi. Hanno tempo un mese per liberare di tutto il materiale le stanze. Dopo che la notizia è apparsa sulle pagine odierne de La Voce abbiamo intervistato nella nostra trasmissione  Tempo Reale  su Radio Icaro-IcaroTv Giuseppe Lo Magro, presidente Famija Arciunesa.

Domani sera l’associazione si riunirà in direttivo e deciderà il da farsi, con la speranza che sia ancora possibile un confronto con l’amministrazione. Lo Magro ammette che l’affitto, 50 euro annui, fosse simbolico, ma è convinto che la Famija Arciunesa, anche per il ruolo che si è ritagliata negli anni in città, meriti un trattamento diverso.

A Tempo Reale (Radio Icaro – Icaro Tv) l’intervista a Giuseppe Lo Magro di Famija Arciunesa

 

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna