sabato 20 luglio 2019
menu
In foto: Piero Cecchini, sindaco di Cattolica
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 22 feb 2016 15:00 ~ ultimo agg. 15:02
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Seduta aperta mercoledì sera in consiglio comunale a Cattolica per l’approvazione dell’ultimo bilancio (2016/2018) dell’era Cecchini: “è quelli che lasciamo – ha dichiarato il sindaco invitando la cittadinanza –  in eredità ai futuri amministratori”.

Alcuni dati forniti dall’Amministrazione:

Il volume delle risorse è di circa 40 milioni di euro. Le entrate tributarie previste nel 2016 sono di oltre 16,6 milioni, la spesa corrente di  28,7.

Il debito è calato in modo significativo: era di oltre 35 milioni nel gennaio 2011, sarà di 24 milioni al 31 dicembre 2016: “un risultato – commenta Cecchini – di grande importanza per la città perché la forte riduzione dell’indebitamento, cui vanno aggiunti oltre tre milioni di euro risparmiati con la transazione Unicredit (debito Ospedale), è stata realizzata senza riduzione dei servizi e diminuendo il debito di ciascun cittadino da 2.000 a 1.440 euro”. 

Gli investimenti, nel triennio, ammontano a oltre 6 milioni di euro e comprendono interventi, quali il Gizc, in parte finanziato dalla Regione; il Progetto Prode sulla viabilità cittadina per utenze deboli; la manutenzione straordinaria della Palestra della Scuola Media Filippini.

Sostanzialmente invariate tasse e tariffe mentre, per quanto concerne la Tasi, il relativo importo di 850mila euro è stato previsto quale trasferimento compensativo, come indicato nella Legge di Stabilità 2016 in corso di approvazione.

Il costo del personale è di oltre 8,5 milioni, sostanzialmente invariato dal 2015. I dipendenti sono diminuiti dai 209 del 2011 si è passati ai 188 del 2015. I dirigenti sono scesi da quattro a tre unità. Anche l’utilizzo di personale a tempo determinato ha subito una riduzione.

Il bilancio ha avuto il parere favorevole del Collegio dei Revisori dei Conti, anche alla luce dei riscontri già forniti dall’Ente al Ministero dell’Economia e delle Finanze dopo l’ispezione del maggio scorso.

Nel 2011 Cattolica – afferma il primo cittadino -si trovava con una situazione d’indebitamento di forte criticità, ora molto è stato sistemato. Per il futuro non bisogna abbassare la guardia continuando a lavorare per la riduzione dell’indebitamento, pur potendo più agevolmente pensare a investimenti mirati e alla manutenzione della città”.

 

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
FOTO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna