mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: I Dolphins Riccione 2015-2016
di Roberto Bonfantini   
lettura: 2 minuti
lun 22 feb 2016 11:24
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

CRISDEN REBASKET RUBIERA-DANY DOLPHINS RICCIONE 82-79

IL TABELLINO
CRISDEN RUBIERA: Giglioli, Roncaglia 10, Castagnaro 23, Gruosso 20, Mazza 3, Melli 8, Amici 10, Ricco’ 3, Spaggiari 5, Fassinou. All. Casoli.

DANY RICCIONE: Saccani 13, Amadori Mi. 1, Raffaelli 10, Mazzotti 17, Bomba 2, Amadori Ma. 7, Biagini 2, De Martin 13, Calegari 5, Marengo 9. All. Domeniconi.

ARBITRI: Sidoli e Casi di Reggio Emilia.

PARZIALI: 25-20, 47-43, 60-61.

CRONACA E COMMENTO
La Dany Riccione se la gioca fino all’ultimo ma deve arrendersi a Rubiera nell’importantissimo scontro salvezza con i locali reggiani (82-79). Partita tiratissima come da previsioni, vista anche la posta in palio, i Dolphins di coach Domeniconi rimontano e vanno sul +5 all’inizio dell’ultimo periodo ma la bagarre finale premia la tenacia dei padroni di casa che conquistano la terza vittoria consecutiva, in classifica staccano di due lunghezze Riccione e si assicurano pure il vantaggio nel doppio scontro diretto.

I Dolphins pagano di fatto una falsa partenza che costa subito il 9-0 per la Crisden, la difesa fatica a contenere i reggiani Gruosso e Roncaglia incassando 25 punti nel primo quarto, ma almeno Mazzotti & c. riescono a rientrare segnandone 20. Lo stesso Mazzotti ben imitato da Saccani rintuzza la fuga emiliana nel secondo periodo rattoppando un -12 che rischiava di chiudere anticipatamente il match e dopo l’intervallo lungo Riccione comincia a fare la voce grossa ribaltando tutto (52-57) grazie a un bel parziale di 14-5. I locali, che tra le loro fila schierano anche Melli jr, non ci stanno e si va all’ultimo quarto con la Dany avanti di una sola lunghezza. De Martin prova a piazzare l’allungo decisivo, niente da fare perché Rubiera torna in parità a 6’ dal termine e lì comincia di fatto un’altra partita con l’inerzia ormai a favore della squadra di coach Casoli. Gli ultimi secondi sono a dir poco palpitanti, Riccione rientra sul -2 a 5” dalla fine poi sono i liberi a dare l’impronta finale al risultato. Sconfitta che pesa, i biancazzurri proveranno a cancellarla venerdì prossimo (ore 21) quando alla palestra di via Forlimpopoli scenderà la Virtus Medicina, terza forza del campionato.

Notizie correlate
di Icaro Sport
FOTO
di Icaro Sport
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna