lunedì 17 giugno 2019
menu
In foto: la conferenza del 5 Stelle sul Consorzio del 18 dicembre
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
lun 8 feb 2016 21:54 ~ ultimo agg. 21:56
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

DI 400.000 aventi diritto al voto hanno votato in 856: una percentuale 0,21 %. “Fatti che si commentano da soli. E che dimezzano la percentuale dei votanti delle precedenti elezioni del 2010”: così Carla Franchini, consigliere del Movimento 5 Stelle di Rimini, commenta la pubblicazione dei risultati delle elezioni del Consorzio di Bonifica della Romagna.  Le elezioni si sono svolte tra il 16 e il 19 dicembre, e già alla vigilia il 5 Stelle aveva lamentato l’assenza di informazione per i cittadini e invitato il presidente della Regione a invalidare i risultati (che, per la cronaca, hanno confermato alla presidenza Roberto Brolli).

“Nei prossimi 30 giorni sarà possibile presentare ricorso al Presidente della Giunta Regionale – ricorda la Franchini – e per questo mi appello a tutti i Sindaci di tutti i comuni ricompresi nel bacino del Consorzio di Bonifica della Romagna (Comuni delle Province di Rimini, Forli, Cesena e Ravenna) ai quali rivolgo un preciso appello: unirsi alla richiesta che presenterò personalmente al Presidente della Regione Stefano Bonaccini chiedendo l’annullamento delle operazione elettorali del Consorzio di Bonifica della Romagna per assoluta mancanza di trasparenza e pubblicità delle operazioni elettorali. Al contempo mi rivolgo al Sindaco di Rimini Andrea Gnassi affinché – in qualità di Presidente della Provincia di Rimini – si astenga dal procedere alla nomina di sua competenza all’interno del Consorzio di Bonifica”.

Notizie correlate
di Roberto Bonfantini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna