Indietro
menu
Attualità Riccione

Rapine in banca, i consigli dei Carabinieri. Incontro a Riccione

In foto: repertorio
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 29 gen 2016 16:21 ~ ultimo agg. 16:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

RAPINE IN BANCA, I CONSIGLI DEI CARABINIERI. INCONTRO A RICCIONE

Il tema della sicurezza negli Istituti di Credito è particolarmente sentito a Riccione, anche alla luce dei recenti episodi di cronaca. Lo ha confermato l’estesa partecipazione all’incontro di questa mattina (venerdì) promosso dall’Arma dei Carabinieri in collaborazione con l’Amministrazione Comunale della Perla Verde.

Il Capitano Marco Califano, Comandante della Compagnia di Riccione ha incontrato, alla presenza degli Amministratori, i responsabili di tutti gli istituti di credito presenti sul territorio comunale per fare il punto sulle esigenze e gli accorgimenti da mettere in campo nei confronti dei reati contro il patrimonio ed in particolare delle rapine in banca. Prevenzione, formazione e collaborazione sono stati i tre concetti chiave attorno ai quali si è snodata la relazione espositiva dell’Ufficiale.

Particolare rilievo è stato dato in particolare al concetto di sicurezza partecipata ovvero “il processo per il quale, attraverso una costante opera di coinvolgimento, cittadino e società civile sono resi parte integrante del sistema di sicurezza””.

Prima di cedere la parola all’Ufficiale, nel suo saluto introduttivo il sindaco Renata Tosi ha detto: “la sicurezza partecipata richiede un processo di coinvolgimento che rende il cittadino e la società civile parte integrante di un sistema coordinato tra Istituzioni e forze dell’Ordine. Mi auguro che si possano ripetere altri tavoli di confronto con la città per mantenere alta la collaborazione sul sistema sicurezza della nostra città”.

Numerosi i consigli forniti dagli uomini dell’Arma sia in un’ottica preventiva, come le azioni di deterrenza nei sistemi d’allarme, sia da adottare in occasione di fatti reato portati a compimento.

Il Capitano, parlando delle figure del “Carabiniere di quartiere” e dei “Comandanti di Stazione”, ha ribadito l’importanza di un costante, proficuo ed ininterrotto rapporto di collaborazione, utile sia in un’ottica preventiva sia in caso di reati portati a compimento.

L’iniziativa sarà presto riproposta anche negli altri territori rientranti nella giurisdizione dell’Arma di Riccione.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Redazione