Indietro
domenica 25 ottobre 2020
menu
Icaro Sport

NTS Crabs Rimini-Cecina, "Il bicchiere mezzo pieno"

In foto: Lorenzo Panzini
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mar 26 gen 2016 10:38 ~ ultimo agg. 10:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

NTS CRABS RIMINI-CECINA, “IL BICCHIERE MEZZO PIENO”

Tre vittorie consecutive per la NTS Crabs e tre sconfitte consecutive per Cecina. Loro con un problema in più, noi con tanta fiducia in più. Se la volta scorsa NTS Crabs aveva trovato la giusta risposta da soli cinque giocatori e mezzo questa volta Massimo Bernardi è riuscito ad ottenere assoluta omogeneità da tutti quelli scesi in campo. Nessuno si è tirato indietro fornendo il massimo e compensando ogni mancanza. Nessuno ha perso la testa quando la coppia arbitrale ci ha messo del suo facendo saltare i nervi a tutto il pubblico. Oggettivamente non sono mancati gli errori (diversamente saremmo già in serie A) ma i pregi li hanno ampiamente nascosti.

Questa volta, per la prima volta, la bella notizia è che il bicchiere è tutto pieno per tutti:

DANIEL PEREZ: 36:01 minuti in campo con 1/2 da 2 e 4/5 da 3 con 4/6 ai tiri liberi ed 1 rimbalzo. Servendo 4 assist senza perse e con 2 recuperi ha chiuso con 18 punti. Devastante quando è andato “in striscia” è rimasto sempre concentrato ed efficace dall’inizio alla fine con umiltà e disinvoltura guadagnando anche un bel 21 di valutazione lega.

DAVIDE MELUZZI: è rimasto in campo 03:16 senza prendere tiri e con troppa fatica davanti ad avversari troppo aggressivi ed arbitri poco rispettosi della sua giovane età, ha preso anche un rimbalzo senza perdere palloni e concentrazione.

LORENZO PANZINI: 36:44 in campo, 1/4 da 2 e 0/7 da 3, con 9/9 ai liberi ha preso 6 rimbalzi, 4 perse 2 recuperi e 2 assist per 11 punti totali. In più di un passaggio ha esagerato perdendo un po’ il controllo, se vogliamo è stato fallimentare al tiro dal campo (1/11) ma è sempre stato molto lucido dalla lunetta garantendo sicurezza quando serviva. Si è speso a 360° subendo ben 5 falli risultando anche il migliore rimbalzista, nell’insieme davvero difficile da criticare, anzi.

GEORGI SIRAKOV: 18:24 in campo, senza tiri da 2 ma 2/5 da 3 e 6/6 ai liberi. Ha preso 1 rimbalzo ottenendo una persa ed un recupero, per 12 punti totali. Chirurgico ed ispirato ha speso al meglio i suoi minuti facendosi sempre trovare pronto. Per me la sua migliore prestazione da quando è tornato a vestire la canotta dei Crabs.

FEDERICO TASSINARI: 14:13 in campo per il capitano che chiude con 2 punti 1/1 da 2 e 0/2 da 3. Senza liberi e con 4 rimbalzi e 2 perse sembrerebbe una prestazione opaca, tutt’altro: in difesa è stato granitico ed insuperabile. Gomiti, intensità ed esperienza per tenere lontani avversari aggressivi e fisici: missione compiuta. In attacco ha fallito 2 occasioni dalla lunga distanza che in altri tempi avrebbero chiuso anzitempo la partita, ma adesso va così.

ADRIAN CHIERA: 25:35 in campo, con 2/4 da 2 e 1/3 da 3 senza ottenere liberi. Prende 3 rimbalzi e commette 2 perse senza recuperi e serve 3 assist per 7 punti. Si spende alla grande spingendo a 100 all’ora schierandosi più volte da playmaker, sempre molto attento in difesa si batte senza risparmio commettendo 5 falli, ottiene meno in attacco di quanto si meriterebbe.

AMAR BALIC: Non è entrato in campo.

FRANCESCO FOIERA: 24:21 in campo con 1/4 da 2 e 1/1 da 3 e 1/2 ai liberi. Porta a casa 4 rimbalzi e 6 punti totali. Ha faticato più del solito in fase offensiva trovandosi però a nozze nelle sportellate sotto canestro, lasciato inopinatamente libero ha piazzato la bomba spezza gambe a 4’ dalla fine poi ha chiamato il pubblico in campo come solo lui sa fare, insostituibile dentro e fuori dal campo.

STEFANO CROTTA: in campo per 15:38 Chiude con 8 punti dati da un 4/5 da 2 e 2 rimbalzi senza tiri liberi, colleziona 2 perse (ma una non è colpa sua) ed un recupero oltre a 2 assist. Prova concreta sia in attacco che in difesa, lottando senza paura. Con lui in campo la squadra si è mossa molto bene ed in sicurezza, peccato che sia stato limitato dai falli che lo hanno castigato anzitempo in panchina, ma non prima di averci regalato una bella schiacciata in contropiede, entrambe le prime della stagione.

RICCARDO ROMANO: 25:47 minuti in campo. Realizza 9 punti tirando con 1/3 da 2 e 1/3 da 3 con 4/4 ai liberi. 2 rimbalzi, 3 perse, 1 recupero ed un assist per una gara solo apparentemente in ombra. Ancora una volta si è piegato al servizio della squadra a scapito della sua prestazione personale, se non ti danno la palla è difficile metterla dentro. Ha commesso 2 errori imperdonabili vicino al ferro, ma lì sotto randellavano come dei fabbri, ed ha capitalizzato i 6 falli subiti col 100% dalla lunetta. Tutta sostanza.

MASSIMO BERNARDI: Con questi tre successi ha rivitalizzato una squadra che sembrava non avere più chance aggiungendo molto entusiasmo e tanta concretezza. Ha trovato nella volontà dei singoli la compensazione della minore fisicità che patiamo ogni domenica da avversari sempre più “voluminosi” e che ci hanno largamente superato nella statistica ai rimbalzi (29/44 alla fine) poi è venuto a prendersi di nuovo i meritati abbracci sotto la tribuna, ed erano davvero tanti.

Daniele Bacchi