Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Marche

Furti "acrobatici" a Pesaro, base operativa a Rimini. Tre arresti

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 28 gen 2016 14:28 ~ ultimo agg. 29 gen 11:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.579
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La polizia di Fano e Pesaro ha arrestato due albanesi e una riminese, casalinga, accusati di avere messo a segno una lunga serie di furti, tra i venti e i trenta, a Pesaro e dintorni solo nelle ultime settimane. La donna, residente a Rimini, secondo l’accusa svolgeva il ruolo di autista e palo usando l’utilitaria della madre.

Gli arrestati sono due cittadini albanesi già noti alle Forze dell’ordine, un 28enne e un 35enne irregolare sul territorio nazionale, e una 43enne residente a Rimini
Due pattuglie del Commissariato erano intervenuto nel pomeriggio del 20 gennaio a Fano, zona San Biagio, dove una donna rientrando in casa aveva sorpreso dei ladri poi fuggiti su una Nissan Micra.
I poliziotti hanno subito rintracciato il veicolo in questione, bloccato dopo un inseguimento. Nella circostanza sono stati tratti in arresto la 43enne, che si trovava alla guida, e il 28enne mentre il terzo uomo è riuscito ad allontanarsi facendo perdere le sue tracce. Nell’auto c’era refurtiva proveniente anche da furti consumati nei giorni precedenti in Fano oltre ad attrezzi per lo scasso.

I successivi accertamenti hanno consentito di verificare che il trio, proveniente dal riminese dove aveva la sua base operativa, era specializzato in furti acrobatici in abitazione e che lo stesso gruppo, tra dicembre e gennaio, si era reso responsabile di numerosissimi colpi consumati nel pesarese anche in appartamenti al secondo e terzo piano di condomini, effettuando vere e proprie scalate sfruttando grondaie e tubature esterne.

In un appartamento a San Lorenzo in Correggiano di Rimini, adibito a deposito della refurtiva, sono stati recuperati oltre 300 oggetti tra orologi, anelli, collane, bracciali, argenteria e diversi attrezzi atti a forzare porte, infissi e casseforti: tra questi frullini elettrici e mazze.

All’alba di domenica scorsa il 35enne è stato arrestato dai poliziotti fanesi, con la collaborazione dei colleghi della Squadra Mobile di Pesaro e di Caserta, in un albergo di Aversa dove si era temporaneamente rifugiato in attesa del momento propizio per raggiungere l’Albania.

Altre notizie
di Lamberto Abbati
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
VIDEO
di Andrea Polazzi   
VIDEO