Indietro
menu
Attualità Politica

Rimini Congressi e Società Palas. Provincia rinuncia ad aumento di capitale

In foto: il Palas
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 21 dic 2015 16:38 ~ ultimo agg. 22 dic 07:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le risorse scarseggiano e la provincia di Rimini rinuncia al diritto di opzione per gli aumenti di capitale sociale in Rimini Congressi srl e nella Società del Palazzo dei congressi S.p.a. Lo ha deciso a maggioranza questo pomeriggio il Consiglio provinciale (astenuto il consigliere Marcello, unico presente per l’opposizione) alla vigilia dell’assemblea straordinaria della Società del Palazzo dei Congressi.
In particolare, per quanto concerne Rimini Congressi, il consiglio ha deciso di condividere e accettare l’esclusione del diritto d’opzione visto che la Provincia non è più in grado di mettere a disposizione risorse e propri asset “che non siano volti al perseguimento degli equilibri economici e finanziari del bilancio dell’Ente”; il consiglio ha poi preso atto che i versamenti in conto futuro aumento di capitale già effettuati negli anni 2010, 2011 e 2012 saranno portati a capitale sociale e deciso di rinviare ogni decisione in merito alla possibilità della Provincia di sottoscrivere diritti d’opzione entro il 30/11/2016 (alla luce dell’attuazione di quanto disposto con la normativa relativa al riordino istituzionale).
Per quanto concerne la Società del Palazzo dei Congressi SPA è arrivata la rinuncia al diritto di opzione sulle azioni spettanti alla Provincia.

Notizie correlate
di Redazione