Indietro
menu
Attualità Bellaria Igea Marina

Osservatorio Criminalità Organizzata, comuni firmano protocollo 2016

In foto: foto di gruppo per gli amministratori
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 12 dic 2015 12:25 ~ ultimo agg. 12:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Gli amministratori dei 5 comuni della riviera riminese, Rimini, Riccione, Bellaria Igea Marina, Cattolica e Misano Adriatico, hanno firmato il protocollo d’intesa 2016 a sostegno dell’Osservatorio Provinciale sulla Criminalità Organizzata e dei progetti di promozione e diffusione della cultura della legalità. L’iniziativa, alla presenza dell’assessore regionale alla Legalità Massimo Mezzetti, si è svolta alla Biblioteca Comunale di Bellaria e rientra nell’ambito di ANTICORPI, TRE GIORNI DI CINEMA, TEATRO, DIBATTITI CONTRO LE MAFIE, che l’Osservatorio ha organizzato per promuovere la cultura della legalità e la cittadinanza responsabile.

Le dichiarazioni

Massimo Mezzetti, Assessore alla Legalità della Regione Emilia Romagna:La firma di oggi rappresenta esattamente gli obiettivi delle politiche di prevenzione alla criminalità e promozione alla cultura della legalità che la Regione Emilia Romagna sta portando avanti da tempo. Politiche che possono essere attuate dai territori e qui grazie al lavoro dell’Osservatorio si è riusciti anche a fare una mappatura delle presenze mafiose: importante lavoro di conoscenza che serve per fare una prevenzione più efficace, per costruire strumenti utili per contrastarla e combatterla”

Andrea Gnassi, Presidente Provincia di Rimini e Sindaco del Comune di Rimini:Oggi possiamo parlare di consapevolezza del fenomeno mafioso sul nostro territorio. Cinque comuni uniti per combattere le infiltrazioni criminose possono trasmettersi informazioni e fare azioni integrate, segnalare movimenti sospetti, stimolare rapporti con l’associazionismo. La Provincia di Rimini ha sempre creduto importante darsi degli strumenti come l’Osservatorio e da oggi con la collaborazione di tutti si può lavorare ancora meglio per debellare il problema”.

Renata Tosi, Sindaco di Riccione: “Questo protocollo di intesa è un importante traguardo raggiunto dai 5 comuni della costa, ma deve essere un punto di partenza non di arrivo. Il Comune di Riccione entra in punta di piedi dentro il progetto dell’Osservatorio, ma vuole in futuro dare un contributo anche da protagonista proponendo delle azioni per rispondere alle domande di sicurezza che vengono dai cittadini. Cercheremo inoltre di lavorare molto sulla promozione alla legalità partendo dalle nuove generazioni”.

Piero Cecchini, Sindaco di Cattolica: “Il controllo del territorio non può essere delegato solo alle forze dell’ordine. Gli enti locali devo fare la loro parte: attraverso la formazione degli amministratori in primis e con una forte operazione di educazione per i cittadini”.

Filippo Giorgetti, Presidente del Consiglio Comunale del Comune di Bellaria Igea Marina:
“Oggi è una giornata importante: se prima eravamo solo due comuni: Bellaria e Cattolica ad essere impegnati sul progetto dell’Osservatorio, con la firma di questo protocollo abbracciamo altri importanti comuni della costa per prevenire le infiltrazioni mafiose nella nostra Provincia. Creare una rete con le categorie economiche è inoltre una delle azioni che dovremmo mettere in atto per preservare il nostro territorio e promuovere la cultura della legalità partendo soprattutto dalle scuole. Un lavoro, quello dell’educazione alla legalità che vede il Comune di Bellaria Igea Marina in prima linea da molti anni”.

Alvio Semprini, Assessore alle attività economiche del Comune di Misano Adriatico: “Dialogare insieme per darsi degli strumenti comuni è fondamentale e il Comune di Misano vuole rispondere alla richiesta di sicurezza e legalità che arriva dai suoi cittadini lavorando sull’educazione e cercando anche la collaborazione del tessuto economico del territorio per prevenire il problema”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini   
VIDEO