Indietro
menu
Ambiente Provincia

Impianti eco al posto di inceneritori. Una proposta al Ministro

In foto: inceneritore
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 31 dic 2015 10:59 ~ ultimo agg. 22 gen 11:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non inceneritori ma tecnologie avanzate ecocompatibili. A chiederlo è Margherita Bologna, da anni in prima linea nella lotta agli inceneritori. L’ambientalista ha scritto una lettera al Ministro Galletti in merito all’art. 35 dello Sblocca Italia nel quale se è vero che si si riduce il numero degli inceneritori da costruire nelle varie regioni d’Italia si prospetta “sempre la stessa vecchia soluzione per la chiusura del ciclo, senza tenere conto della proposta per la gestione dei rifiuti con impianti dedicati che consentono di superare sia la discarica che l’incenerimento“. Tecnologie, spiega la Bologna, che ha presentato in un incontro al Ministero dell’Ambiente il 18 novembre scorso dove erano presenti diversi funzionari

Mi permetto di evidenziare che  gli inceneritori sono impianti che producono un maggiore carico inquinante totale e in particolare di CO2, rispetto alle nuove tecnologie assemblate nella mia proposta. Le soluzioni alternative che prospetto, oltre alla possibilità di recuperare materia dall’indifferenziato e di promuovere l’economia circolare, sono certamente maggiormente sostenibili anche dal punto vista del clima”. La richiesta è che il Ministero prenda atto formalmente dell’esistenza di tecnologie in grado di sostituire gli incenitori, dal momento che questi impianti sono venduti in Italia e, tra l’altro, costano meno degli inceneritori” e che organizzi un incontro su queste proposte con gli assessori all’ambiente di tutte le regioni.

Notizie correlate
di Redazione