Indietro
menu
Ambiente Riccione

Ciclopedonale Marano: lettera d’intenti con Università di San Marino e Fondazione Geometri

In foto: la firma
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 15 dic 2015 12:37 ~ ultimo agg. 12:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Comune di Riccione, Università di San Marino- Facoltà di Ingegneria e Fondazione Geometri della Provincia di Rimini hanno firmato una lettera d’intenti per riqualificare in stretta sinergia la zona del Marano attraverso un’azione di recupero ambientale. Si tratta del primo passo per l’elaborazione di uno studio di fattibilità che sarà oggetto di una borsa di studio affidata ad un laureando in ingegneria civile.

Lo scorso novembre alla Triennale di Milano in occasione della 12esima edizione di Urbanpromo era stato presentato il progetto di mobilità ecosostenibile “ Le linee d’acqua per la nuova green economy e valorizzazione del territorio” che prevede la realizzazione di una pista ciclopedonale di collegamento tra Riccione e San Marino lungo il fiume Marano.

Il progetto prevede la rinaturalizzazione del fiume Marano sulla scia degli antichi tracciati viari che in passato si estendevano lungo i fiumi e i torrenti. Un percorso ciclopedonale che attraverserà anche il comune di Coriano lungo spazi didattici sul tema dell’acqua. L’auspicio è che il progetto possa rientrare tra quelli indicati dalla Regione Emilia Romagna e per i quali verrà stanziata tra i comuni costieri la somma di 20 milioni di euro”.


Per il sindaco Renata Tosi “si tratta di mettere a sistema le nostre eccellenze a partire dalla zona Marano che costituisce una importante risorsa del nostro territorio.Un percorso di collegamento dal mare a San Marino da valorizzare in termini turistici e di recupero ambientale. Ben vengano forme di collaborazione reciproca come quella avviata con l’Università Sammarinese e la Fondazione Geometri per dare forma ad un intervento di mobilità sostenibile nell’ambito di una visione integrata della città da nord a sud”.

Per il presidente della Fondazione Geometri Stefano Domeniconi “questo approccio alla mobilità sostenibile attraverso la promozione di realtà diverse consente di elaborare progetti vicini ai cittadini e ai territori”.

Soddisfatto il direttore del corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile Angelo Marcello Tarantino “per la progettazione della pista ciclabile del Marano mettiamo a disposizione software all’avanguardia così da fornire un contributo tecnologicamente innovativo oltre a mettere a disposizione le nostre risorse umane”.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Lucia Renati