Indietro
martedì 20 ottobre 2020
menu
Icaro Sport

Monsummano-NTS Crabs, intervista a Simone Brugè

In foto: Simone Brugè
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 26 dic 2015 16:15 ~ ultimo agg. 16:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non ci sono opzioni B per la NTS, impegnata nell’ultimo incontro del 2015 in quel di Monsummano: vincere, senza alternative. Con una serie aperta di quattro sconfitte di fila, i biancorossi si sono ritrovati fuori dalla zona playoff, a -4 dall’obiettivo nemmeno tanto nascosto della società. C’è quindi bisogno dei due punti, per far ritornare il sorriso a Tassinari e compagni, e per smuovere quella classifica ferma dal 22 novembre, giorno della vittoria contro Torino.

“Abbiamo forse sottovalutato un po’ il campionato – attacca Simone Brugè, secondo assistente di Mladenov sulla panchina biancorossa – in quanto nonostante la squadra si sia rinforzata, anche il livello del girone è più elevato rispetto a quello dell’anno scorso: ci sono infatti parecchie squadre che possono reggere benissimo la categoria, oltre alle teste di serie che non mancano mai.
Abbiamo molti rimpianti, dato che abbiamo giocato delle ottime partite contro le big come Cecina, Forlì e anche per tre quarti contro Santarcangelo: secondo me, giochiamo molto meglio contro le squadre forti, mentre contro quelle al nostro stesso livello facciamo più fatica”.

E infatti hanno faticato i Crabs anche nell’ultimo match casalingo contro la Blukart Etrusca San Miniato, che è passata al Flaminio per 61-62, dopo una brutta prova da parte dei granchi.

“Nessuno si aspettava una sconfitta del genere – prosegue Brugè, sinceramente della partita ci
abbiamo capito poco, in primis noi dello staff, ma un risultato così secondo me è inspiegabile: complimenti in ogni caso ai nostri avversari, bravi a pressarci per 40’ e a fare la loro partita. Non vogliamo però darci troppe colpe, ci siamo invece rimboccati le maniche allenandoci sia a Natale che a Santo Stefano per arrivare al meglio alla prossima gara”.

La NTS domenica farà visita a Monsummano, contro una squadra che invece sta attraversando un ottimo momento con cinque vittorie di fila, e che precede i granchi di quattro lunghezze in graduatoria.

“Sarà una trasferta difficile, su un campo molto tosto: la Gioiellerie Fabiani è una buonissima squadra, ma vogliamo portare a casa i due punti, sia per la classifica, ma anche per il morale: c’è un po’ di negatività in questo periodo, noi abbiamo molta voglia di vincere ma non sarà facile. Monsummano ha tenuto testa a tutte le big, perdendo di poco anche contro Cecina: hanno avuto solo una batosta contro Forlì, ma ci siamo praticamente passati tutti. Sono un ottimo gruppo, ma hanno una rotazione un po’ corta: il loro play è Tempestini, molto veloce e tosto fisicamente, in guardia hanno Tommei, ottimo tiratore da tre, in ala gioca Maggiotto, ex serie C a Pesaro, un giocatore molto dotato fisicamente che ha anche un buon tiro: il loro giocatore più pericoloso è l’ala grande Sgobba, mentre come centro gioca Giarelli, anche se non ha proprio il fisico da numero cinque, occhio infine al loro sesto uomo, l’indimenticato ex German Scarone, un lusso per la categoria – conclude il secondo assistente –, i ragazzi comunque sono pronti, noi daremo il nostro meglio per la squadra e per i tifosi”.