Indietro
menu
Attualità Economia

Crac Banche. Federconsumatori chiama a raccolta i risparmiatori: muoversi subito

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 17 dic 2015 11:56 ~ ultimo agg. 18 dic 15:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto Visualizzazioni 1.289
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Crac Banche. Nei giorni scorsi le 4 banche salvate dal Governo, Carife, CariChieti, Banca Etruria e Banca Marche, hanno diffuso una nota nella quale quantificavano il numero di risparmiatori coinvolti dal crac: 1.100 i più esposti, con una concentrazione di bond superiori alla metà del loro patrimonio, e 12.500 in totale per un controvalore di 431milioni di capitale. Nel riminese è ancora difficile quantificare i numeri esatti. Al momento la zona più esposta è quella dell’Alta Valmarecchia, ex territorio marchigiano, dove Banca Marche era un’istituzione non solo economica ma anche sociale. Da lì partirà la task force di legali della Federconsumatori: il 21 dicembre alle 16.30 nel Teatro Sociale di Novafeltria ci sarà un’assemblea pubblica.

Entro metà gennaio un nuovo incontro si terrà anche a Rimini. È importante, spiega l’associazione, che i risparmiatori si mettano subito in moto, a prescindere dalle decisioni che il Governo prenderà per cercare di tutelarli. Le posizioni sono però molto eterogenee, spiega l’associazione, e solo in un secondo momento sarà possibile accomunare situazioni omogenee.

La paura di veder andare in fumo i risparmi di una vita, ha fatto già diventare bollenti i telefoni dell’associazione: cercano rassicurazioni sul fatto di non essere soli e non aver perso tutto, spiega l’avvocato Daniele Marino ospite della trasmissione Giustizia, Bene Comune (Radio Icaro – Icaro Tv).

Notizie correlate