20 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Gnassi dopo “fragorosa invasione”: Amministrazione dà risposte, ma nelle regole

AttualitàRimini

23 novembre 2015, 18:33

in foto: Manila Ricci e il sindaco Gnassi (Newsrimini.it)

L’Amministrazione Comunale di Rimini è costantemente impegnata per dare risposte alle emergenze abitative e sociali. Ma nel rispetto delle regole. E’ il senso dell’intervento del sindaco Gnassi a seguito della concitata giornata dello sgombero del Villino Ricci che ha visto nel pomeriggio, per usare espressioni del sindaco, una “fragorosa invasione” degli attivisti con alcuni momenti di “dialettica estrema”.


 

L’intervento del sindaco Gnassi:

“Una comunità non sta in piedi senza regole. Non è un’affermazione che si fa per non guardare ai bisogni, ma anzi la premessa per affrontarli.
In un perimetro di regole, che valgono a Rimini come in qualsiasi altro degli ottomila e passa Comuni d’Italia, chi occupa abusivamente un immobile, pubblico o privato fa poca differenza, compie un’azione illecita, sanzionata dall’Autorità giudiziaria. Tanto più se, come nel caso di Villino Ricci, l’occupazione veniva portati avanti in condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza più che precarie.
Nello stesso perimetro di regole, imprimendo anche un forte impulso innovativo sul sociale, il Comune di Rimini riesce a mettere in campo: dall’albergo sociale che ospita persone in difficoltà; al residence per i padri separati; al sostegno all’associazionismo che si occupa di centinaia di ‘senza casa’; alle 1700 persone che affianchiamo allo sportello sociale (dal pagamento delle bollette alla casa, a prestazioni, servizi e sussidi); almeno diverse altre migliaia di anziani, diversamente abili, famiglie e minori in difficoltà che vengono sostenuti per l’inserimento in strutture, contributi per gli asili e sostegni di diverso tipo; alle graduatorie per le case popolari; e non da ultimo in prima linea, spesso in solitaria, sull’accoglienza ai profughi
Questa la posizione che abbiamo ribadito durante il confronto avuto negli spazi di Palazzo Garampi, nei quali alle 14 di oggi hanno fatto il loro ‘fragoroso ingresso’ alcuni degli occupanti Villino Ricci e i rappresentanti del Collettivo Paz. Lascio da parte alcuni momenti un po’ troppo vivaci, volendo considerarli ‘dialettica estrema’; quello che mi interessa riaffermare è il senso del lavoro e degli obiettivi sui temi sociali di questa Amministrazione Comunale che si muove, ripeto, in un quadro normativo preciso e non aggirabile con scorciatoie, motivate da qualsivoglia intento. E in questo quadro, il Comune di Rimini, che investe il 42 per cento del suo bilancio per servizi sociali e scolastici, ha definito il percorso del welfare di comunità, aprendo cioè al sostegno e al supporto della più ampia parte dell’associazionismo civico e del volontariato in modo da dare risposte vere e sul campo al tema dei bisogni che con la crisi si sono acuiti. Il coinvolgimento del tessuto civico e del privato è la strada maestra su cui questa Amministrazione comunale insiste e insisterà. Questo però attraverso percorsi che tutelino e garantiscano equità. L’assegnazione di spazi pubblici a fini culturali e sociali è il terreno su cui si misura il welfare di comunità. La vicenda dell’ex sede dei vigili del fuoco in via Dario Campana è, in questo senso, esemplare: spazio sistemato e quindi assegnato attraverso evidenza pubblica, modalità che consente libero accesso a chiunque abbia un progetto di utilizzo degli immobili. Non deragliamo da questo percorso, sempre comunque attraverso bando. Certo, per il futuro c’è la necessità di allargare ancora di più il panel, facendo in modo che di emergenza abitativa non debbano occuparsene solo un Comune e qualche associazione. Su questo percorso siamo impegnati e saremo impegnati nelle prossime settimane.
Non c’è polemica politica né scontro ideologico, come qualcuno cerca inevitabilmente di far passare in queste occasioni. C’è semmai il ruolo del Comune anche nel gestire queste azioni, mettendo- come già comunicato precedentemente- a disposizione i servizi sociali per gestire l’emergenza temporanea degli occupanti. Questo fa il Comune ogni giorno dell’anno per migliaia di persone in difficoltà”.

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454