sabato 7 dicembre 2019
menu
Icaro Sport

Dany Dolphins Riccione-Novellara 63-78

In foto: I Dolphins Riccione 2015-2016
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 23 nov 2015 14:09
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

DANY DOLPHINS RICCIONE-NOVELLARA 63-78

IL TABELLINO
DANY RICCIONE: Ortenzi, Saccani 11 , Amadori Mi. 4, Raffaelli 12, Mazzotti 10, Bomba 10, Amadori Ma. 13, Biagini 3, Serafini, Tonini. All. Badioli.

NOVELLARA: Carpi, Ciavolella 19, Colla 8, Folloni 12, Margini 9, Mariani Cerati 5, Morgotti 9, Rinaldi 14, Verbitchi 2. All. Ligabue.

ARBITRI: D’Angelo e Vannucci di Rimini.

PARZIALI: 23-17, 36-33, 54-54.

CRONACA E COMMENTO
Come a Medicina, anzi peggio. La sindrome dell’ultimo quarto si abbatte ancora sulla Dany Riccione che cede anche di fronte al Novellara (63-78) collezionando la sesta sconfitta di un inizio di stagione complicato. I ragazzi di coach Badioli non riescono proprio a sbancare il PalaMasi ed è un vero peccato, perché anche di fronte alla formazione reggiana, nonostante le pesantissime assenze nel reparto lunghi (De Martin e Calegari ne avranno ancora per un po’ di tempo), i Dolphins danno l’impressione di potercela fare almeno per tre quarti, anzi pure di più rispetto al doloroso ko di Medicina di una settimana prima. Ed è anche per questo che è difficile spiegare l’autentico crollo degli ultimi tre minuti, quando Riccione sparisce letteralmente dal campo lasciando banchettare tranquillamente il Novellara, autore di un parziale di 24-9. Un problema mentale più che fisico, perché nell’ultimo periodo arrivano puntualmente errori banali, frutto di una concentrazione che non è più al massimo come invece era successo nei tre precedenti quarti.

Tanto per cominciare, la Dany che si affida per forza di cose a un quintetto basso, fa dell’aggressività sul perimetro l’arma migliore e riesce ad arrivare sul +6 alla prima sirena (23-17), ripetendosi di fatto fino all’intervallo lungo (36-33). Il match prosegue sui binari dell’equilibrio anche al ritorno sul parquet con Biagini e Serafini che si spartiscono il ruolo di vice De Martin e Calegari. Tutto bene fino a quel pessimo finale di gara che regala alla partita un risultato fuorviante (addirittura -15) ma che deve far riflettere la banda di un deluso coach Badioli.

Anche perché la prossima trasferta (sabato 28 ore 20,45) sarà a Montecchio Emilia contro la Polisportiva Arena, capolista del girone di serie C Silver.

Notizie correlate
di Redazione   
Tre giorni di musica e eventi

Imagine, un festival sui vecchi e nuovi muri

di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna