giovedì 24 gennaio 2019
di Andrea Polazzi   
lettura: 2 minuti
sab 14 nov 2015 14:18 ~ ultimo agg. 20:44
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Per non sovrapporsi con la manifestazione di piazza Cavour, è stato posticipato alle 19 sul Sagrato della Basilica Cattedrale a Rimini il Rosario per pregare per le vittime degli attentati di Parigi, domandando – si legge nell’avviso di Comunione e Liberazione – la rinnovata consapevolezza che il vuoto e la violenza possono essere vinti “solo dalla capacità della fede che abbiamo ricevuto di esercitare un’attrattiva su coloro che incontriamo e dal fascino vincente della sua bellezza disarmata” (j. Carròn)

La nota stampa di CL a livello nazionale

Comunione e Liberazione si unisce alla commozione, al dolore e alla preghiera di Papa Francesco per le vittime degli attacchi di Parigi e per il popolo francese: «Queste cose sono difficili da capire. Non ci sono giustificazioni per queste cose, questo non è umano» (Papa Francesco al telefono con TV2000).

Don Julián Carrón, presidente della Fraternità di CL, ha dichiarato: «Davanti ai nostri occhi c’è un’evidenza: la vita di ciascuno è appesa a un filo, potendo essere uccisi in qualsiasi momento e ovunque, al ristorante, allo stadio o durante un concerto. La possibilità di una morte violenta e feroce è divenuta una realtà anche nelle nostre città. Per questo i fatti di Parigi ci mettono davanti alla domanda decisiva: perché vale la pena vivere? È una provocazione che nessuno di noi può evitare. Cercare una risposta adeguata alla domanda sul significato della nostra vita è l’unico antidoto alla paura che ci assale guardando la televisione in queste ore, è il fondamento che nessun terrore può distruggere».

«Chiediamo al Signore di poter affrontare questa terribile sfida con gli stessi sentimenti di Cristo che non si lasciò vincere dalla paura: “Oltraggiato non rispondeva con oltraggi, e soffrendo non minacciava vendetta, ma rimetteva la sua causa a colui che giudica con giustizia” (I Pt 2,23). Con questa Presenza negli occhi potremo guardare perfino la morte, a cominciare da quella di coloro che hanno perso la vita a Parigi, offrire ai nostri figli un’ipotesi di significato per stare davanti a queste stragi e a ciascuno di noi una ragione per tornare al lavoro lunedì mattina continuando a costruire un mondo all’altezza della nostra umanità, con la certezza della speranza che è in noi». Con queste parole don Carrón ha invitato tutti gli amici del Movimento ad aderire ai momenti di preghiera che saranno proposti dalle diocesi, in unità con il Papa e con tutta la Chiesa.

 

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna