Indietro
menu
Attualità Rimini

Voli Rimini-UK, un ritorno possibile. L'iniziativa di un riminese a Londra

In foto: Londra e Rimini, unite dalla ruota ma non dai voli
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 11 ott 2015 08:09 ~ ultimo agg. 12 ott 13:05
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 4.865
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito dell’accordo con Bologna per una nuova partnership turistica e promozionale, presentato nei giorni scorsi al TTG di Riminifiera, la Ryanair ha annunciato anche un incremento dei collegamenti tra il Marconi e Londra. Una notizia che si spera possa avere conseguenze positive anche per la Riviera visto che la promozione vuole ampliarsi a tutte le eccellenze dell’Emilia Romagna. E c’è anche chi, memore di tempi non troppo lontani, non si rassegna alla perdita dei collegamenti diretti tra Rimini e la Gran Bretagna. Prendendo il charter della Denim Air da Londra Luton atterrato in queste settimane come buon auspicio.

I primi voli dal Regno Unito a Rimini risalgono al 1959. Un capitolo che si è chiuso nel 2012 per poi non riaprirsi più, anche perché poi del Felini è stato quel che è stato. Ma alla possibilità di riattivare quei collegamenti Mirko Carlini, nato a Rimini e trapiantato a Londra da molti anni, ci crede ancora. “Quando Ryanair ha deciso di terminare il volo Rimini – Londra nel 2012 per me e’ stato uno shock visto che lo utilizzavo sin dal 2000”, racconta Mirko. E ha deciso di non starsene con le mani in mano. il logo della campagnaCosì da poco più di un mese ha attivato la pagina Facebook, accompagnata da un account twitter, dal nome UkToRiminiFlights, dove invita gli utenti a mettere i “like” (o “mi piace”, visto che la pagina si rivolge a entrambi i versanti con contenuti in entrambe le lingue) per “dimostrare alle compagnie aeree che c’è anche una forte domanda per questi voli”, come recita la descrizione.
E se lo spunto è una motivazione personale, Mirko ha subito puntato l’obiettivo sulle potenzialità turistiche ed economiche: sulla pagina Facebook si promuovono le bellezze artistiche e paesaggistiche di Rimini e dintorni (senza preoccuparsi dei confini amministrativi), gli eventi e le tipicità del territorio. Post che hanno raccolto diversi commenti positivi, sia di là che di qua della Manica a leggere i nomi di chi clicca

“Ho deciso di creare la pagina per verificare se ci sia interesse per questi voli soprattutto da parte dei Britannici: questa è la prima fase della mia iniziativa”, spiega Mirko. “La seconda fase sarebbe quella di contattare i media tradizionali sia Italiani che Inglesi. La terza e ultima fase consiste nel convincere compagnie aeree ed enti locali a dialogare per riattivare i voli”.

Oggi in attesa del Consiglio di Stato il Fellini è tornato tra color che son sospesi: Nell’attesa di sviluppi la pagina UkToRiminiFlights ha rallentato un po’ l’attività, ma tenendo saldo l’obiettivo anche perché la partenza ha superato le aspettative: “600 “mi piace” nel primo mese, ma penso che per essere presi sul serio dovremmo essere alcune migliaia”.
E intanto un “mi piace” non costa nulla. Anche per ricambiare il marketing a costo zero che Mirko, da Londra, ci sta procurando.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Redazione