martedì 22 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 1 minuto
gio 22 ott 2015 21:11 ~ ultimo agg. 21:12
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Per i consiglieri del Movimento 5 Stelle di Rimini la nuova modulazione del servizio pre e post scuola, introdotta dopo le polemiche sui costi che da quest’anno il servizio ha assunto, è solo una conferma della “logica parcometrica” adottata dall’Amministrazione Comunale. In alternativa a 40 € al mese, per la mezzora precedente e successiva all’orario scolastico, si potrà scegliere di spenderne solo 20 e lasciare in custodia i propri figli per 15 minuti. Col risultato, sottolinea il 5 Stelle, che “allo scoccare del sedicesimo minuto di permanenza del pargolo all’interno del plesso scolastico, teoricamente scatterebbe la tariffa piena”.

Nella seduta di Consiglio di martedì Pazzaglia di Fare Comune e la Franchini e Tamburini del 5 Stelle hanno proposto una delibera a favore della gratuità del pre e post scuola.
“Il M5S  ha chiesto che il servizio torni ad essere gratuito, o destinando le risorse necessarie oppure coinvolgendo volontari, genitori o nonni, affinché si possano occupare del servizio. Da parte loro abbiamo registrato questa volontà, spetterebbe ora all’Ammistrazione approfondire e trovare la formula adatta. Proposta puntualmente bocciata dal PD… ma non solo. L’Amministrazione Gnassi, anche in questo caso, “fila dritto” per la propria strada, senza curarsi troppo che la città la segua”.

Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna