giovedì 12 dicembre 2019
menu
Valmarecchia Viabilità

Mille posti di lavoro a rischio per le frane. Da Sant'Agata un appello alla provincia

In foto: repertorio
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 30 ott 2015 12:39 ~ ultimo agg. 31 ott 07:53
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Dall’Alta Valmarecchia si alza un grido d’allarme sulla situazione delle principali strade di collegamento alle arterie come E45 e A14. Colpite da frane e dissesti mettono a rischio anche la sopravvivenza di molte imprese. L’appello arriva da Sant’Agata Feltria. “Il polo Industriale di Sant’Agata dove lavorano 380 persone – denuncia il vicesindaco Paolo Riccirischia di andare in crisi perché è da 5 anni che una frana mette a rischio la transitabilità dei Camion che la percorrono sia per consegnare le materie prime sia per spedire il prodotto finito ai loro acquirenti; di quelle 380 persone la metà non è residente nel nostro comune , ma viene da quelli limitrofi.” 

Nel mirino di Ricci c’è la provincia di Rimini, rea di non aver mai risposto alle sollecitazioni sollevate. “Non ne facciano una questione di risorse” – attacca il vicesindaco – “visto che i tratti delle stesse strade che sfociano nella vicina Forlì Cesena sono in perfette condizioni”. Per Ricci la viabilità non è considerata una priorità da Rimini.

Oltre alla Santagatese, anche la strada che porta a Novafeltria è malridotta e la Sapinate, che conduce alla E 45, deve fare i conti con ben 8 frane. Problemi che accomunano anche altre località della Valmarecchia. Ricci annuncia di voler chiedere l’intervento del Prefetto. A Sant’Agata ci sarà un consiglio comunale aperto sul tema della viabilità e sarà votato un ordine del giorno che sarà poi inviato agli altri comuni, alla provincia e, appunto, alla Prefettura di Rimini.

. L’intervento di Paolo Ricci alla trasmissione Tempo Reale

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna