16 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Cattolica, Coriano, Misano e Riccione: gestione associata per la Polizia Municipale

in foto: foto di gruppo deli amministratori

Questa mattina le amministrazioni comunali di Cattolica, Coriano, Misano e Riccione hanno presentato la nuova convenzione per la gestione in forma associata della Polizia Municipale. Dopo il passaggio nei rispettivi consigli comunali ( a Riccione il 5 novembre sarà approvata una modifica non sostanziale), il primo passo sarà il concorso per l’individuazione del comandante unico del corpo di Polizia Municipale e cominciare, dall’inizio del nuovo anno, a dare forma e contenuti a quella che ora è una scelta politica condivisa. Il ruolo di coordiamento del percorso lo avrà la  conferenza dei sindaci dei quattro comuni. Una scelta che va nell’interesse dei cittadini senza fermarsi a campanilismi o appartenenze politiche, hanno più volte ribadito gli amministratori dei quattro comuni alla presentazione di oggi. Con l’accorpamento si avranno a disposizione 200 agenti (compresi gli estivi di Riccione) per complessivi 80.000 abitanti in un territorio da 200.000 presenze turistiche giornaliere durante la stagione estiva.

 

Sia la legge regionale n.21/2012 che la legge regionale n.13/2015 prevedono, al fine del contenimento dei costi e della razionalizzazione della spesa, la forma associata per i comuni appartenenti ad un ambito sub regionale ottimale. Già Riccione e Misano da anni gestiscono in modo congiunto il contrasto all’abusivismo commerciale mentre il comune di Coriano, tra l’altro, risultava già essere convenzionato con il comune di Riccione dal 31-12-2016.

A questo proposito l’amministrazione corianese ricorda di avere regolarizzato e puntualizzato in questi anni alcuni aspetti della convenzione con Riccione eliminando situazioni di svantaggio e ristabilendo così una pari dignità.

Tra queste, ricorda il comandante della Polizia Municipale di Coriano Gianluca Ugolini, il recupero dei ruoli degli anni pregressi, la spesa del comandante da 27.000 a 9.000 euro, l’incasso diretto dei verbali direttamente sul conto del comune, il risparmio sul costo di lavorazione dei verbali tramite l’esternalizzazione del servizio ad una società convenzionata, il recupero delle multe delle targhe straniere.

E’ stata approvata, spiega ancora Ugolini, “una convenzione in una forma “semplificata” che determina la volontà degli enti di gestire in forma associata il servizio, senza però stravolgere nella prima fase tutte le funzioni riservate ai singoli comandi di Polizia Municipale”. La convenzione si limita intanto a fissare i principi generali di gestione associata, demandando  alla conferenza dei sindaci il ruolo di indirizzo del percorso attuativo di servizi integrati che necessit anche di uno studio di fattibilità ed un regolamento.

 

 

Maurizio Ceccarini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454