venerdì 6 dicembre 2019
menu
Icaro Sport

Al Flaminio si gioca NTS Crabs-Bottegone, il pregara di coach Mladenov

In foto: Il coach della NTS Crabs Rimini, Mladenov
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 31 ott 2015 20:40 ~ ultimo agg. 1 nov 11:28
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Non è un gran momento per la NTS: dopo un buon avvio con due vittorie, la squadra di Mladenov è infatti incappata in una striscia di tre sconfitte contro formazioni quotate come Cecina, Piacenza e Cento. Domani (domenica) i biancorossi ospiteranno Bottegone (palla a due al Flaminio alle 18), in una partita in cui è veramente vietato sbagliare.

“Il match contro la Valentina’s è molto importante per noi – dichiara l’allenatore di Rimini, Mladenov –, spero che giocheremo una buona gara davanti al nostro pubblico e otterremo i due punti. Abbiamo incontrato squadre forti mettendo in campo un buon basket, in casa però non siamo riusciti ad esprimerci al meglio: contro Piacenza non è stata una grande prova, contro Trecate siamo riusciti a vincere anche se non ce lo meritavamo, adesso è ora di cambiare atteggiamento. Bottegone non è una squadra di prima fascia, ma di certo bisognerà stare concentrati per 40’, invece di scendere in campo come se fosse un allenamento: dobbiamo giocare tutte le partite come se fossero delle finali”.

È quindi una questione di mentalità principalmente per l’allenatore dei granchi, con i suoi uomini
che se la sono giocata praticamente con tutti, eccezion fatta per Piacenza, e che hanno però perso negli ultimi minuti sia contro la GR, sia contro la Tramec.
“Non abbiamo molta esperienza – prosegue l’allenatore nativo di Sofia – a parte Foiera, Tassinari, Panzini e Romano, siamo una squadra molto giovane, non siamo ancora pronti per vincere gare difficili come quelle che abbiamo disputato”.

Del resto, il gruppo dei Crabs è assieme da praticamente due mesi, e con tre innesti importanti rispetto al gruppo della scorsa stagione, i meccanismi della NTS non sono ancora perfettamente oliati, ciononostante il coach di Rimini punta ad arrivare in alto.
“Secondo me i primi risultati si vedranno verso la fine del 2015, abbiamo bisogno di tempo e di pazienza, il nostro obiettivo sono i playoff. Tutti vogliono vincere, io in primis, i giocatori, i tifosi, non dobbiamo però dimenticare che siamo una squadra giovane, con poca chimica: con il passare delle giornate penso che cresceremo, e che dimostreremo appieno il nostro potenziale”.

Notizie correlate
Tra carnevale e sostenibilità

"Mal di plastica" approda a Gambettola

di Redazione   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna