domenica 20 gennaio 2019
di Roberto Bonfantini   
lettura: 2 minuti
mer 22 apr 2015 15:40 ~ ultimo agg. 15:41
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Se il buongiorno si vede dal mattino, i risultati dei controlli effettuati da Carabinieri, Ispettori del lavoro e Ausl, a cui va il nostro plauso – si legge in una nota -, su alcuni locali della riviera, fanno prevedere un’apertura di stagione molto irregolare sia sul piano del lavor che della salute e sicurezza che dell’evasione fiscale.

Il fenomeno del lavoro nero e irregolare sembrerebbe un fattore endemico dell’economia locale in particolare nel turismo ma non solo, riguarda infatti tutti i settori, dall’edilizia, ai servizi, al manifatturiero. Lavoro nero ma anche lavoro grigio, quello, ad esempio, delle pseudo cooperative che aprono e chiudono, delle false partite Iva, favoriti da certa legislazione sul mercato del lavoro che consente ai datori mano libera a basso prezzo (vedi voucher o facili licenziamenti).

Alla luce della notizia che è circolata circa il trasferimento del Prefetto di Rimini, auspichiamo che il percorso fatto insieme per affrontare questo difficile periodo di crisi e per contrastare l’illegalità in ogni sua espressione abbia una continuità. Così dicasi per il tavolo tecnico per il contrasto al fenomeno del lavoro nero e irregolare. Nell’ultima riunione in Prefettura sono stati individuate delle priorità che possono diventare terreno di azione comune tra Organizzazioni Sindacali, Associazioni datoriali e Istituzioni.

A partire dalla costituzione di una banca dati comune, dall’individuazione di criteri di impresa etica, al coordinamento dei controlli, dal contrasto alle modifiche istituzionali che creano un quadro di incertezza, come, a nostro parere, il declassamento dell’Inail di Rimini, l’Ufficio Ispettivo incaricato di coprire gli interventi in due province, la costituzione dell’Agenzia Nazionale a Bologna.

Ma tutti gli interventi sul piano della prevenzione e della repressione dei comportamenti illegali non sarà mai sufficiente finché non interverrà un cambio di paradigma, se non saranno più le aziende, con l’illegalità totale o dissimulata da forme contrattuali flessibili e da nuove tipologie di sfruttamento, a creare un dumping nei confronti delle aziende corrette ma viceversa; finché il cosiddetto furbo non verrà considerato socialmente un ladro di ricchezza collettiva; finché la moneta buona non scaccerà quella cattiva. Per il settore del Turismo la FILCAMS CGIL riprenderà anche quest’anno la campagna “DIRITTI ALLA STAGIONE”; invitiamo sin da ora i lavoratori stagionali ad informarsi ed a segnalare e denunciare le irregolarità nel loro rapporto di lavoro… perché I DIRITTI NON VANNO IN VACANZA!

Il Segretario Generale CGIL Rimini
Graziano Urbinati

Il Segretario Generale Filcams CGIL Rimini
Isabella Pavolucci

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Simona Mulazzani
FOTO
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna