mercoledì 24 aprile 2019
In foto: Il presidio davanti al punto vendita di Rimini Nord
di Roberto Bonfantini   
lettura: 1 minuto 1.608 visite
sab 28 mar 2015 12:54
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto 1.608
Print Friendly, PDF & Email

Le lavoratrici ed i lavoratori del Mercatone Uno si sono riuniti in assemblea spontanea questa mattina, sabato 28 marzo, insieme alle Organizzazioni Sindacali di categoria Fisascat Cisl Romagna e Filcams Cgil del territorio di Rimini presso il punto vendita di Rimini Nord, per contestare – si legge in una nota – “la mancanza di trasparenza da parte della direzione aziendale sul futuro del punto vendita. Ad oggi non si ha nessun chiarimento a riguardo anzi la svendita promozionale promossa negli ultimi giorni ‘’SVUOTA TUTTO AL 70%’’ lascia presagire una LIQUIDAZIONE TOTALE con CHIUSURA successiva del punto vendita ad esaurimento delle merci”.

“Le lavoratrici ed i lavoratori sono ben consapevoli della grave situazione in cui verte l’azienda infatti da alcuni anni chiedevo una conversione delle strategie commerciali, più cogenti con le richieste dei consumatori – continua la nota -. Per tanto questa crisi non può e non deve essere scaricata sui lavoratori, i quali hanno messo tutto l’impegno e la professionalità, anche a fronte di una riduzione salariale dovuta al Contratto di Solidarietà, nella speranza di vedere risollevata l’azienda”.

Per il 1 aprile è stato proclamato lo sciopero nazionale, che prevede un presidio davanti al Ministero del Lavoro.

 

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Lucia Renati   
di Maurizio Ceccarini   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna