Indietro
menu
Economia Misano

Tassa di soggiorno. Si parte il 1 aprile

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 19 dic 2014 14:23 ~ ultimo agg. 20 dic 09:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ieri sera il Consiglio Comunale di Misano ha deliberato il regolamento comunale per la tassa di soggiorno. Questa mattina la Giunta ha approvato gli importi. La tassa sarà in vigore dal 1 aprile al 30 settembre 2015, sarà applicata ai turisti che alloggiano a Misano fino ad un massimo di 7 pernottamenti consecutivi e coinvolgerà alberghi e residenze turistico – alberghiere, case e appartamenti di vacanza, case per ferie, ostelli, affittacamere (room ad breakfast, locande), bed & breakfast, appartamenti ammobiliati e campeggi.

Saranno esentati dal pagamento dell’imposta di soggiorno: i minori fino al compimento del tredicesimo anno di età (a tal fine si considera la data di arrivo nella struttura ricettiva), i soggetti che assistono i degenti ricoverati presso strutture sanitarie site nella Provincia di Rimini, in ragione di un accompagnatore per paziente; il personale appartenente alla Polizia e alle forze armate, per esigenze di servizio; gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici tà di gruppi organizzati. I portatori di handicap grave ed un accompagnatore, studenti che svolgono tirocini o stage.

Le aliquote vanno da 50 centesimi per gli alberghi una stella a, 60 centesimi per 2 stelle, 80 per tre stelle e 1 euro per 4 stelle.
In un momento come questo in cui abbiamo dovuto registrare i mancati trasferimenti dello Stato alle Province e ai Comuni e volendo mantenere lo stesso stato dei servizi ai turisti – spiegano l’Assessore al Bilancio Marco Ubaldini e l’Assessore al Turismo Manuela Toniniabbiamo scelto l’unica strada percorribile. Ci è sembrato giusto e doveroso prima di tutto, tutelare i cittadini di Misano e per questo motivo non abbiamo voluto prendere in considerazione l’aumento dell’Irpef. Tantomeno, visto che la legge in questo caso non lo prevede, si può  applicare una tassa di scopo. Abbiamo così cercato di limitare al massimo l’impatto della tassa, che è la più bassa a livello regionale. A titolo di esempio, tenuto conto delle riduzioni, si parla di 11,20 euro (cifra massima) per una famiglia che soggiorna una o più settimane in una struttura a 3 stelle a Misano. Senza queste risorse si sarebbe verificato un arretramento che avrebbe conseguenze negative sulla nostra economia turistica; in nostro scopo è invece, possibilmente quello di implementare, l’attività turistica con promozione ed eventi, proponendo l’opportunità di farlo insieme. Sappiamo bene che una tassa, specie sul turismo non è apprezzabile e comprendiamo lo sforzo e l’impegno burocratico che gli albergatori si troveranno a sostenere, ma se si vuole stare sul mercato con iniziative idonee per promuovere il nostro turismo , era un passo necessario”.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO