Indietro
menu
Cultura Economia

Pizza patrimonio dell'Unesco. Il comune firma petizione

In foto: repertorio
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 30 dic 2015 18:04
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Rimini aderisce alla petizione che vorrebbe la pizza patrimonio dell’Unesco. Un’iniziativa lanciata dalla Coldiretti e che questa mattina è stata sottoscritta dal sindaco Gnassi e dall’assessore alle Attività economiche Sadegholvaad.

L’obiettivo, attraverso la raccolta di firme, è di indicare l’arte della pizza napoletana come proposta italiana per “l’iscrizione del patrimonio culturale dell’immateriale dell’umanità”. In Regione sono già state raccolte 25mila firme.

Abbiamo ritenuto importante – ha detto il vicedirettore dell’associazione dei coltivatori riminese Giorgio Ricci– che in vista dell’Expo universale dedicata proprio all’agricoltura e alla sostenibilità si rilanci con questa petizione la candidatura dell’”Arte della pizza” a patrimonio dell’Unesco, non solo per i valori ideali indubbi ma anche per contribuire a garantire l’origine italiana degli ingredienti che oggi, come confermano le statistiche utilizzano in due casi su tre prodotti di provenienza straniera.”

Ci è sembrato importante – ha detto l’assessore Sadegholvaad dar la nostra adesione a un’iniziativa che promuove il valore del prodotto alimentare italiano. Un’adesione sincera specie per noi che ci siamo tanto spesi per giungere al riconoscimento del valore e della qualità dei nostri prodotti come quello di recente ottenuto dalla nostra piada romagnola.”

Per aderire all’iniziativa (rimini@coldiretti.it)

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Redazione   
di Redazione