Indietro
martedì 23 febbraio 2021
menu
Icaro Sport

Nel 2014 11 vittorie per le bocce riminesi. Titolo italiano per Primo Filanti e Luciano Vandi

In foto: Filanti e Vandi campioni d'Italia
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 26 dic 2014 12:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il 2014 per le bocce riminesi si chiude con il titolo italiano Over 60 conquistato dai riccionesi Primo Filanti e Luciano Vandi e con le undici vittorie conquistate dagli atleti di casa nostra in tutta la Penisola. Da segnalare anche i quattro titoli regionali conquistati: individuale A Giorgio Alegi (Montegridolfo), terna A Gaetano Miloro-Salvatore Ferragina-Giuseppe Miloro (Montegridolfo); coppia B Silvio Riminucci-Jvano Dimitry Bartolini (Cattolica) e coppia C Ezio Di Mango-Emidio Pratelli (Cattolica).

Prima tra tutte la bocciofila ASD Utensiltecnica Montegridolfo con 14 ori (5 gare nazionali, 3 regionali, 2 titoli regionali, 4 titoli provinciali). Seguono nell’ordine Asd Riccionese con 12 (3 gare regionali, 2 provinciali, 5 titoli provinciali, 1 titolo a squadre provinciale, 1 titolo italiano); Asd Cattolica con 6 (2 titoli regionali, 3 titoli provinciali, 1 titolo a squadre provinciale); Asd DLF Rimini e ASD Valmarecchia 0.

Gianluca MonaldiMerita citazione ancora la Utensiltecnica Montegridolfo, che dopo la retrocessione dalla Serie A è attualmente in testa in quello di B. Tra gli atleti con più vittorie nelle prime posizioni: l’ex Giorgio Alegi (Utensiltecnica Montegridolfo) con 5 centri; Gaetano Miloro (Utensiltecnica Montegridolfo) 3; a questi si aggiungono, con una vittoria, Gianluca Monaldi e Marco Moretti (Utensiltecnica Montegridolfo), Vittorio Marconi, Giorgio Ricci, Fabrizio Sarti e Marino Scarpellini (Asd Riccionese).

Bene anche la partecipazione degli atleti alle cinque manifestazioni (due nazionali e tre regionali) organizzate dalle bocciofile riminesi con oltre 1.600 presenze che, sommate alle selezioni dei campionati provinciali e alla fase provinciale del campionato italiano di società, superano abbondantemente quota 2 mila.

Fabio Berardi