22 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

AeroClub denuncia: lasciati soli per gestione provvisoria. Falsetti: ignorati anche da comune (video)

attualitàRimini

10 novembre 2014, 09:16

Tutti pronti a ricordare che la chiusura dell’aeroporto è una sciagura, molto meno a mettere mano al portafogli. L’Aeroclub di Rimini, che si è impegnato in questi giorni a garantire un’attività seppur minima all’aeroporto Fellini, denuncia il silenzio degli interlocutori ai quali era stata chiesta una mano per garantire l’attività dei voli privati. Nel mirino le categorie economiche, Confcommercio e Associazione Albergatori in testa, ma anche il comune di Rimini. Abbiamo incontrato l’amministrazione – rivela il presidente Fabio Falsetti alla trasmissione TEMPO REALE (Radio Icaro – IcaroTv) – ma ci è sembrata molto fredda in merito alla gestione dell’Aero Club. Non ne capiamo le ragioni, anche perché le cifre in gioco (si parla di meno di 50mila euro) per un comune come quello di Rimini sono poca cosa. L’essere totalmente ignorati è un fatto che mi preoccupa tantissimo. Inizio a fare brutti pensieri.” Frase enigmatica che Falsetti non spiega ulteriormente.

“Se l’aeroporto – spiega ancora – “per effetto di una nostra eventuale resa, dovesse chiudere del tutto, potrà ben che vada vedere la riapertura slittare di molti mesi”.

Dal presidente dell’Aero Club anche una nota di colore. “Ho perso il conto di quante compagnie aeree piccole e meno piccole stanno chiamando e non si capacitano del fatto che il Fellini sia chiuso al traffico commerciale. Per di più in questi giorni ci sono problemi anche per l’aviazione generale: per una serie di tecnicismi l’aeroporto può essere usato solo in determinate condizioni di visibilità e le piogge di questi giorni ci mettono in difficoltà.”

 L’intervista a Fabio Falsetti

 

____________________________________________________________________________________________

L‘intervento dell’Aero Club di Rimini:

Dal 4 novembre l’aeroporto di Rimini è di nuovo in funzione, seppure per la sola Aviazione  Generale. La sua gestione provvisoria è stata possibile grazie all’azione tempestiva della  Prefettura, di ENAC, di tutti gli Organi di Stato per la sicurezza e il controllo e, non ultimo,  dell’Aero Club di Rimini che si è fatto carico del gravoso impegno di non far decadere l’attività  aeroportuale.

Comprendiamo come sia difficile, per chi non è addentro ai tecnicismi del settore, capire quanto sia rilevante la differenza fra l’esistenza di un aeroporto aperto, anche se con grandi  limiti, e un aeroporto completamente chiuso. E’ la stessa differenza che c’è fra possedere un  terreno e avere lo stesso terreno con le carte a posto per costruirci sopra un grattacielo.
L’Aero Club si è fatto per ora interamente carico degli impegni di questa gestione transitoria,  pur continuando a cercare tra le realtà cittadine un aiuto per mantenere aperta ed efficiente la  vitale infrastruttura che fino a pochi giorni fa ha portato sul territorio decine di migliaia di  turisti, russi e non, ora dirottati sull’aeroporto di Ancona.
Dopo una settimana di contatti e relazioni in tutte le direzioni, l’Aero Club prende  tristemente atto della latitanza di tutti gli interlocutori istituzionali locali che, al  momento, sembrano più interessati ad occuparsi del toto-assegnazione bando ENAC piuttosto  che prendere in seria considerazione che non ci sarà alcuna ripartenza a gennaio con nessuno,
se questi soggetti non troveranno pronto il terreno, ovvero se al posto di un aeroporto  troveranno un campo di patate.
La gestione provvisoria, pur con tutte le attenzioni del caso, implica un aggravio importante in  termini di risorse umane e finanziarie e, nonostante l’Aero Club (che è un ente morale no  profit gestito da volontari) abbia cercato di sensibilizzare l’Amministrazione di Rimini, gli Enti  ad essa collegati e le associazioni di categoria, non ha avuto alcun riscontro per affrontare  questo durissimo periodo.
Completamente snobbati, come se tenere aperto un aeroporto fosse una sorta di gioco  che non serve a nessuno.
La conseguenza diretta della chiusura al traffico commerciale è stata valutata dal Presidente  di Confcommercio e dal Presidente della Associazione Albergatori – dichiarazioni rilasciate su San Marino RTV pochi giorni fa – con un danno immediato pari a decine e decine di attività che chiuderanno entro l’anno in corso per effetto dei mancati incassi di provenienza russa.
Paradossalmente, le stesse persone sono sgusciate via dopo l’’intervista alla quale era presente anche il Presidente dell’Aero Club senza dare alcuna risposta di fronte alla richiesta,  per nulla velata, di una qualsiasi forma di contributo al sostentamento dell’Ente e conseguentemente dell’aeroporto.
Se l’aeroporto, per effetto di una nostra eventuale resa, dovesse chiudere del tutto, potrà ben  che vada vedere la riapertura slittare di molti mesi, cosa che è resa ancor più probabile vista la notizia di due giorni orsono della diffida di Novaport nei confronti di ENAC.
Una tale sospensione rifletterebbe negativamente sul territorio con chiusure di attività stimate in non meno di 2500 unità e una perdita di almeno 7000 posti di lavoro, facendo di fatto saltare la stagione 2015 con le drammatiche conseguenze facilmente immaginabili da tutti tranne, evidentemente, da chi il territorio lo dovrebbe gestire in nome degli interessi dei cittadini.
A difesa del territorio riminese e romagnolo, l’Aero Club non demorde e continuerà la ricerca
di partner per poter traghettare l’aeroporto, ovviamente APERTO, nelle mani di chi si aggiudicherà l’appalto, riservandosi di informare l’opinione pubblica locale e nazionale settimanalmente con appositi comunicati stampa.

Maurizio Ceccarini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454