Indietro
menu
Economia Rimini Fiera

Ecomondo guarda verso est per i buyer. La Turchia la più rappresentata

In foto: Le delegazioni di buyers esteri a Ecomondo
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 8 nov 2014 11:59 ~ ultimo agg. 23 dic 14:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ è la Turchia l’area geografica più rappresentata tra i buyer a Ecomondo. Seguono i Paesi balcanici e il Nord Africa. E poi Russia, Bulgaria, Romania, Sud America, Polonia.

Guardiamo a est – spiega Alessandro Piccinini, responsabile marketing estero di Rimini Fiera – e non da oggi: è un progetto triennale iniziato nel 2013. Anni fa si puntava molto sulla Cina, ma per la media impresa italiana non è facile impiantarsi così lontano. Per questo ci siamo concentrati su Paesi raggiungibili in tre-quattro ore di aereo”. Fa eccezione il lavoro sul Sud America, sfociato, tra l’altro, nell’acquisizione in Brasile dell’evento Fimai di San Paolo da parte di Rimini Fiera e del gruppo Tecniche Nuove.

Positive le opinioni sull’appuntamento riminese tra i buyer dei diversi paesi. Gilberto Federico Barbero, a Ecomondo in rappresentanza della Fiesp, la Federazione delle industrie dello stato di San Paolo, commenta: “La mia impressione è molto positiva – dice – Ho stabilito molti contatti, sia per la mia impresa, sia per quelle di tutta la federazione: ho trovato molte opportunità, visto cose straordinarie”. Mentre per Washington Braida – professore universitario e consulente di origini uruguaiane, ma che vive e lavora fra la Turchia e gli Stati Uniti osserva: “Non sapevo cosa aspettarmi, a visita è stata utile: mi occupo soprattutto di tecnologie per l’industria del riciclo, e qui ho trovato prodotti di grande interesse”.