18 June 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Turismo accessibile: Rimini fa storia

Due mamme di Vicenza leggono l’articolo su “Friendly Autismo Beach” e danno vita a un portale per raccogliere consigli e mappare i luoghi “amici”. L’articolo di Silvia Sanchini uscito sul ponte riprende i temi del nuovo dossier di Social, da sfogliare in fondo all’articolo!

 

L’esperienza riminese di turismo accessibile si diffonde e stimola idee anche fuori provincia. Si è partiti dal progetto Friendly Autismo Beach, presente ormai da due anni nel territorio grazie al coordinamento dell’associazione Rimini Autismo Onlus e ai Comuni di Rimini, Riccione e Misano: un’iniziativa all’avanguardia per accogliere con professionalità e competenza le persone con autismo e le loro famiglie nelle spiagge della Riviera. Sia sul ponte che su RiminiSocial  ci siamo chiesti quale impatto abbia sul settore del turismo questo progetto, dando voce alle esperienze concrete e alle storie, più o meno difficili, di persone con disabilità e delle loro famiglie alle prese con un’attività apparentemente semplice come quella di prenotare una vacanza o trascorrere una giornata al mare.

Il diritto al riposo. Abbiamo scoperto così che anche un diritto, come quello del riposo e della vacanza, non è sempre garantito alle persone che vivono situazioni di disabilità. Raccontando queste storie ci siamo accorti di almeno due verità: innanzitutto che Rimini non è solo la città del divertimento e degli eventi notturni, ma che esistono anche altre tipologie di turismo caratterizzate dai valori dell’accoglienza e dell’inclusione sociale; in secondo luogo abbiamo avuto modo di sperimentare come questi temi richiamino l’attenzione dell’opinione pubblica più di quanto si possa credere: in pochi giorni queste notizie hanno avuto una fortissima eco, sono state riprese da altri siti e riviste e molte famiglie le hanno utilizzate come punto di partenza per conoscere associazioni e progetti che potessero facilitarle nel loro diritto a una vacanza insieme ai loro figli.

Vicenza ci “copia”. L’ultima positiva risonanza all’iniziativa riminese arriva da Vicenza. Sull’esempio del progetto “Friendly Autismo Beach” due mamme vicentine, Elisabetta Tonini e Chiara Bortolaso, hanno dato vita al portale Autism friendly in Italy-Wisteria blue: www.wisteriablue.it: wisteria, che tradotto dall’inglese significa glicine ed è simbolo di amicizia, tradizioni, legami e blu, il colore dell’autismo. Blu come il cielo di notte che avvolge la luna, misteriosa e distante come spesso chi è affetto da autismo può apparire. Scopo del sito è quello di raccogliere consigli pratici e informazioni e mappare tutti i luoghi “autismo friendly” (alberghi, ristoranti, spiagge…) segnalati dalle famiglie con cui le due promotrici sono in contatto. Ambizioso lo slogan del sito: l’impossibile non esiste.
Un progetto che nasce dall’esigenza pratica che Elisabetta Tonini, mamma di un ragazzo autistico di 13 anni, ha raccontato così sulle pagine del magazine Superabile (giugno 2014) e sul portale di Redattore Sociale“Quando finisce la scuola, le famiglie sono abbandonate a se stesse: non c’è quasi nulla per il tempo libero di questi ragazzi. Così, paradossalmente, le vacanze finiscono per diventare il momento più difficile, perché si è soli nel gestire i propri figli, e spesso capita che i genitori dei ragazzi con questo disturbo smettano non solo di viaggiare ma anche di uscire, di andare al ristorante, in gita, al museo”.

Le due mamme e amiche desiderano proprio rivolgersi agli operatori sociali e alle famiglie con ragazzi affetti da autismo ma soprattutto agli operatori turistici per aiutarli a capire il mondo dell’autismo ed imparare come migliorare i loro servizi e personalizzarli nei confronti di bisogni speciali ed unici.
Ma il portale ha anche un altro obiettivo e cioè creare un vero e proprio marchio di qualità da applicare a tutte quelle strutture che si impegnano ad essere “Autismo Friendly” con semplici ma efficaci gesti di accoglienza: da un questionario che possa essere compilato per raccogliere i bisogni specifici del ragazzo prima del suo arrivo in hotel, alla possibilità di ridurre file e tempi di attesa al check-in o al check-out, così come tavoli riservati nella zona da pranzo in posizione tranquilla e vicino a una via di uscita.
Piccoli accorgimenti che, insieme ad altre attenzioni e a una opportuna formazione del personale, possono veramente cambiare la vita delle famiglie e migliorare notevolmente la qualità delle loro vacanze insieme ai loro figli.

Insieme alla Cooperativa sociale Primavera 85, le due mamme vicentine desiderano creare una piattaforma giuridica e multimediale per mettere in pratica il progetto promuovendo: “formazione gratuita sull’autismo per chi si occupa di turismo (in sede o in streaming in tutta Italia oppure on demand), convenzioni con hotel, ristoratori e agenzie di viaggi e la creazione di itinerari appositamente realizzati pensando alle esigenze delle famiglie di persone con autismo. Fino ad arrivare a una vera e propria certificazione «Autism friendly in Italy» rilasciata da esperti del settore”.
Un progetto che vuole quindi un poco alla volta estendersi a tutto il territorio nazionale per favorire lo scambio di buone prassi e valorizzare l’impegno degli operatori turistici più sensibili e disponibili.

La sensibilità. Se è vero infatti che l’autismo è detto anche disabilità “invisibile” per via della sua difficoltà ad essere subito riconosciuto e compreso dalle persone, è chiaro come un lavoro educativo e culturale di formazione e sensibilizzazione su questa patologia e sui punti di forza e di debolezza nella relazione con questi ragazzi è fondamentale, anche in settori che non hanno apparentemente nulla a che fare con l’educazione.
Viene in mente il decalogo che proprio l’Associazione Rimini Autismo ha realizzato lo scorso anno e che alcuni stabilimenti balneari, tra cui il Bagno 18 di Viserba di Rimini, hanno appeso al loro ingresso. Il decalogo contiene alcuni accorgimenti pratici: dal rivolgersi con calma e senza alzare il tono della voce ai ragazzi autistici evitando metafore o giochi di parole che possano risultare di difficile comprensione, dall’attenzione a comprendere i repentini cambi di umore che a volte caratterizzano i comportamenti dei ragazzi quando si trovano in situazione di stress o difficoltà, all’impegno a evitare rumori o luci improvvise e tutte le stimolazioni sensoriali atipiche che possano spaventare.
Il decalogo si apre e si conclude con due verità così evidenti e al tempo stesso così significative che dovrebbero valere non solo nelle relazioni con persone affette da autismo, ma in ogni tipo di relazione umana. La prima: “io sono prima di tutto una persona”, e quindi l’idea che l’autismo vada considerato come un tratto del carattere e non come l’essenza di ciò che si è. E infine: “amami senza pregiudizi”, un invito ad oltrepassare i limiti e a guardare invece alle potenzialità e ai punti di forza che ciascuno di noi sicuramente possiede.
Sarebbe bello ricordarcene sempre.

Silvia Sanchini

Il dossier di RiminiSocial sul Turismo Accessibile

Redazione RiminiSocial 2.0

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454