Indietro
menu
Politica Rimini

San Marino è presente sul tema fogne. La replica del Titano a Gnassi

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 8 ago 2014 00:22 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco aveva lamentato l’assenza della Repubblica di San Marino sul tema fognario, con conseguenze anche su Rimini. Per la cronaca, quando gli è stato fatto notare che proprio il giorno prima sul Titano era stato fatto il punto sulle iniziative in corso, ha concluso il discorso dicendo “Allora staremo a vedere” e si è passati ad altro.
Ma il passaggio “incriminato”, rilanciato dalla Voce di Romagna, ha comunque indotto il Titano alla replica, senza citare Gnassi ma con un chiaro riferimento alle sue dichiarazioni: “La Repubblica di San Marino sta coronando un percorso di autonomia gestionale nel trattamento delle acque reflue che ha visto, solo nell’ultimo anno, un costo pari ad € 2.500.000 a favore di Hera”, premette una nota della Segreteria di Stato al Turismo.
Per poi citare, appunto, quanto presentato in settimana: “Sono del 3 giugno scorso le ultime delibere in ordine di tempo che conferiscono mandato all’AASS (Azienda Autonoma di Stato per i Servizi), fra le altre cose, per completare il rilievo della rete fognaria entro il 2015. Rilievo, iniziato nel 2012, che l’AASS porta avanti con le necessarie collaborazioni e specifiche competenze anche esterne e che, ad oggi, vede circa metà del territorio mappato ai fini della divisione fra acque chiare ed acque nere”.
Una seconda delibera con la stessa data “riguarda il piano per la depurazione delle acque e prevede la realizzazione di impianti all’interno del territorio sammarinese che consentiranno di diminuire il carico di reflui inquinanti provenienti soprattutto da impianti industriali, consentendo quindi il versamento di sole acque depurate”.
San Marino inoltre “già da molti anni ha collegato i suoi collettori fognari con il sistema di depurazione di Hera, sostenendo i costi di allacciamento e di depurazione che paga regolarmente, e che tutto ciò che viene captato da tali collettori, posizionati al di sopra della città di Rimini, non influisce sui volumi della rete cittadina che non sono fisicamente collegati”.
E quanto al peso di San Marino sugli scarichi a mare: “la popolazione di San Marino è pari a circa il 20% di quella della sola città di Rimini (33.562 abitanti, contro 143.731) che, oltretutto, nei periodi estivi accoglie centinaia di migliaia di persone negli alberghi e nelle strutture ricettive”.
La conclusione, sempre senza citare direttamente il sindaco di Rimini: “fuorviante addossare a San Marino presunte responsabilità in merito agli scarichi fognari che avvengono in mare, dato che tanto i responsabili politici sammarinesi, quanto l’AASS si sono già attivati da tempo al fine di risolvere progressivamente e definitivamente il problema”.

 
Notizie correlate
di Redazione