Indietro
menu
Lavoro Provincia

Occupazione. Bene il settore turistico. I riminesi tornano a fare la stagione

di    
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
gio 7 ago 2014 17:37 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono le assunzioni nel settore ricettivo ristorativo, a far crescere del 13% il dato rispetto al 2013. Sono schizzate nel periodo aprile-giugno, con le festività pasquali. Rappresentano oltre il 65% degli avviamenti totali. E i lavoratori nel settore sono sempre più italiani. Non si discostano dall’anno scorso gli altri settori: agricoltura, pesca, attività estrattive, industria e commercio. Oltre mille nuovi rapporti di lavoro invece nel comparto manifatturiero. Non è un dato da poco visto che il loro numero, a distanza di un anno, è salito del 18,9%. In caduta libera, al contrario, il comparto edile, le cui assunzioni sono scese di oltre il 15%, che si traduce in 532 lavoratori in meno. I due terzi delle assunzioni da gennaio a giugno sono a tempo determinato. Si assumono meno giovani dai 18 ai 30 mentre aumentano, di oltre il 3%, i neo-assunti over 45. Sempre più italiani e meno stranieri. Questi ultimi passano da 13.623 a 13.190. Cresce la presenza dei lavoratori non residenti. In provincia, dati del centro per l’impiego, i disponibili al lavoro nella prima metà dell’anno sono diminuiti di 233 unità. Sono soprattutto donne a rivolgersi al centro per trovare lavoro.
Altro dato positivo è che, rispetto alla media europea, per quanto riguarda il PIL procapite, Rimini si attesta a 5.000 euro in più, arrivando a 30mila euro. Quasi al pari di Friburgo.

Il resoconto della conferenza stampa:

Presentati stamane dal presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali, e dall’assessore alle Politiche del lavoro del Comune di Rimini, Nadia Rossi, i dati sull’occupazione nel secondo trimestre 2014. Il secondo trimestre 2014 segna un incremento del dinamismo del mercato del lavoro in provincia di Rimini: crescono le assunzioni rispetto al 2013 (+9%), si conferma la centralità del turismo stagionale per l’intero sistema produttivo riminese, ma segnali positivi arrivano anche dal manifatturiero L’analisi si basa sulle sole comunicazioni obbligatorie relative al lavoro dipendente (subordinato e parasubordinato) registrate dai CPI provinciali.

Nel secondo trimestre 2014 gli avviamenti. Registrati in provincia di Rimini sono 42.794, con un aumento di quasi 3.500 assunzioni rispetto allo stesso periodo del 2013 (39.311 unità): ciò si traduce in una crescita vicina al 9%. Altrettanto positiva, sebbene di minore entità, è la variazione delle persone assunte, il cui numero nel secondo trimestre 2014 raggiunge quota 32.873, facendo registrare un incremento di quasi 1.600 unità, corrispondente ad una crescita del 5,1% rispetto al 2013. Questi dati positivi appaiono particolarmente rilevanti, soprattutto considerando la forte contrazione degli avviamenti (-15,8%) e degli avviati (- 18,8%) emersa nel primo trimestre dell’anno. Quanto alla distribuzione dei rapporti di lavoro iniziati nei mesi di aprile, maggio e giugno 2014 in base al settore dell’azienda, il primo aspetto da evidenziare è il significativo incremento delle assunzioni all’interno di alberghi, ristoranti e pubblici esercizi, il cui numero sfiora le 28 mila unità. La crescita in termini percentuali rispetto al 2013 sfiora il 13%. Nel periodo aprile-giugno 2014 gli avviamenti del settore ricettivo-ristorativo rappresentano circa i due terzi (65,3%) del totale provinciale, confermando la centralità del turismo stagionale per l’intero sistema produttivo riminese. Vanno, inoltre, segnalati gli oltre 1.000 nuovi rapporti di lavoro attivati dalle aziende manifatturiere nel periodo aprile-giugno 2014. Essi costituiscono solo il 2,5% degli avviamenti complessivi, ma il loro numero sale a distanza di un anno del 18,9%, facendo registrare per il secondo trimestre consecutivo una variazione positiva rispetto al 2013. Infine, l’unico segno negativo appartiene al comparto edile, le cui assunzioni sul territorio provinciale scendono del 15,7%.
Gli incrementi registrati nel secondo trimestre sono in buona parte riusciti a compensare le consistenti perdite rilevate nei tre mesi precedenti e infatti a distanza di un anno, gli avviamenti comunicati in provincia di Rimini nel primo semestre mostrano un valore sostanzialmente simile. Essi, infatti, erano 59.757 nel 2013 e sono 60.055 nel 2014 (+ 298 unità), con un aumento in termini relativi dello 0,5%. Poco significativo è anche il saldo dei lavoratori assunti, il cui numero, tuttavia, nello stesso periodo diminuisce di 280 unità, passando da 42.553 a 42.273, con una riduzione percentuale dello 0,7%. Dopo un 2013 decisamente negativo, la prima metà del 2014 non mostra variazioni di rilievo nella domanda di lavoro dipendente, che rimane complessivamente al di sotto degli anni precedenti. Ciò detto, il recupero registrato nel secondo trimestre, riconducibile in larga parte al buon andamento delle assunzioni stagionali nel turismo, costituisce di per sé un dato da sottolineare, soprattutto alla luce di quanto rilevato alla fine di marzo. Appare evidente come ad una sostanziale stabilità delle assunzioni corrisponda un leggero cambiamento nella composizione percentuale tra i rapporti lavorativi cessati e quelli ancora in essere. Infatti, dei 60.055 avviamenti registrati nel primo semestre 2014, il 40,8% (24.498 unità) è terminato entro il mese di giugno e tale quota cresce di 1,3 punti percentuali rispetto a quella del 2013 (39,5%). Ne consegue che i 35.557 contratti ancora in essere al 1 luglio 2014 rappresentano il 59,2% del totale iniziale, risultando percentualmente inferiori nella stessa misura all’anno precedente (60,5%). Seppur di lieve entità, tali variazioni si pongono in linea con una tendenziale riduzione nella durata dei contratti che si traduce in una elevata frammentazione delle esperienze professionali.
I due terzi delle assunzioni comunicate da gennaio a giugno sono regolate attraverso il lavoro dipendente a tempo determinato (66,7%), la cui incidenza non si modifica in misura rilevante negli ultimi due anni (+ 0,6 punti percentuali). In conclusione, il quadro che emerge nella prima metà del 2014 appare fondamentalmente simile a quello descritto 12 mesi fa. Non solo i nuovi rapporti alle dipendenze attivati sono numericamente simili a quelli del primo semestre 2013, ma anche la loro ripartizione per settore e per tipo di contratto non si è modificata in modo significativo.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione