Indietro
menu
Provincia

Indice di sportività: Rimini guadagna posizioni. Brasini: realtà è più complessa

di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 25 ago 2014 15:37 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La stessa Amministrazione Comunale di Rimini sottolinea gli aspetti meno affidabili della graduatoria: l’indicatore “Sport e Turismo”, che a Rimini costituisce un importante capitolo per il comparto ricettivo, misura grandi eventi ciclistici e di sport invernali senza considerare il resto. Solo nei primi sette mesi del 2014 sono circa 400.000 le presenze turistiche veicolate a Rimini dal binomio sport-turismo, ai quali si aggiunge la ricaduta mediatica.

Tra i sottoindicatori la provincia di Rimini accumula risultati tra il sufficiente e il buono per quanto riguarda campionati minori (6°), motori (7°), coppe europee 2013/2014 (8°), coppa Italia (9°), sport mare e lago (21°).
Sotto la media invece per squadre femminili (87°), effetto crisi (81°), numero di società iscritte alle federazioni di ciclismo, nuoto, atletica e tennis (73°).

Una classifica che arriva proprio in un momento in cui torna alla ribalta una delle vicende più controverse della recente della storia recente dello sport a Rimini, quella della gestione dei campi da calcio: è di questi giorni l’annuncia dell’intenzione del Viserba Calcio di cessare l’attività ma di far valere le proprie ragioni nelle sedi legali.
Vicenda alla quale nel suo intervento l’assessore Brasini non fa riferimento, se non per quanto riguarda i lavori di riqualificazioni attesi al campo di Viserba.

__________________________________________________

Il commento dell’assessore Gianluca Brasini.

“Io credo che il rapporto tra Rimini, e in generale l’intero territorio riminese, sia molto più complesso di quello che una graduatoria numerica possa mettere in evidenza una volta all’anno. La storia ci tramanda una vicenda frastagliata: un gap ultradecennale sull’impiantistica sportiva dovuto a mille motivi, compresa una certa sottovalutazione del valore dell’attività sportiva come collante sociale; l’epopea di alcune squadre di vertice negli sport più diffusi (calcio e basket), via via andata scemando per il disimpegno di mecenati più che proprietari e quindi della crisi economica che ha ridotto la capacità di attenzione di imprenditori privati; una certa distrazione ‘culturale’ nei confronti dello sport, anche nelle stagioni finanziariamente più floride, da parte di comparti imprenditoriali primari; investimenti più convinti sul versante del turismo sportivo piuttosto che della pratica vera e propria. L’impressione è che la crisi economica abbia accentuato una serie di queste storiche contraddizioni, aggiungendo difficoltà a difficoltà. Anche qui penso al caso dell’impiantistica sportiva, un vulnus endemico per il Comune capoluogo; non sono rare le situazioni in cui le difficoltà del privato (penso all’area Ghigi), soggetto ormai considerato nel mondo il player per antonomasia allorché si discute di realizzazione e/o gestione di impianti sportivi, impongono al pubblico di subentrare, però con le sue caratteristiche. E’ lampante come andare a chiedere in questa fase a privati imprenditori, magari già in difficoltà sulle loro aziende, di investire sullo sport appaia quantomeno incauto. Ma deve essere altrettanto chiaro che irrobustimento dello sport a favore dell’intera comunità, non può prescindere anche dall’apporto decisivo del capitale privato. Il Comune di Rimini, su questo fronte, ha deciso di investire, pur alle prese anch’esso con la stretta congiunturale cui sono sottoposti gli enti locali. E’ in questa direzione che quindi si è deciso di dare risposte concrete alle principali carenze nell’impiantistica sportiva riminese: la realizzazione della nuova pista di atletica a 8 corsie più le pedane per lanci e salti al ‘Romeo Neri’ e, per il 2016, è programmata l’entrata in funzione della nuova piscina ‘Acquarena’ in via della Fiera. Cito poi in ordine sparso gli interventi realizzati e in corso di realizzazione quali la nuova “Casa del Basket” alla palestra Carim, la pista di skate board a parco Cervi, il campo da calcio a 5 in via della Fiera e la sistemazione e riqualificazione del campo da rugby a Rivabella, dell’impianto da calcio a 5 in via delle Piante e gli interventi di manutenzione in 6 palestre scolastiche; per il 2014 abbiamo in corso gli interventi all’area ex Waldorf, alla pista ciclo podistica in via Sacramora, a due impianti outdoor per il calcio e per il basket in via Cuneo, ai lavori strutturali e di messa in sicurezza all’attuale piscina comunale, al campo da calcio di Viserba. In un biennio verranno investite sull’impiantistica sportiva cittadina circa 1,6 milioni di euro, cifra a cui va aggiunta ‘Acquarena’ (altri 5 milioni di euro).

Questo per dire che non siamo condannati per sempre alla marginalità sportiva. Mi pare importante, in questo senso, sottolineare anche come nelle pianificazioni strategiche della città si tenda sempre più a dare spazio all’elemento sport, per il suo valore nell’integrazione e nella socialità comunitaria. E’ un fatto positivo, indice di una consapevolezza in crescita dopo lunghi decenni di indifferenza. Ma nessun istituzione o ente pubblico potrà mai esaurire o surrogare il tema: il privato è necessario, e semmai il problema, a tutti i livelli, è quello di incentivarlo a investire nello sport, presentando e creando le condizioni affinché la pratica sportiva sia presentata e valorizzata per il suo enorme valore sociale piuttosto che terreno di scontro verbale e fisico”.

 
Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Redazione   
FOTO