Indietro
menu
Provincia Turismo

Bilancio primo semestre: crescono arrivi e presenze ma l'estero è in calo

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 1 ago 2014 09:50 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I segni positivi sono dovuti principalmente alla ripresa avvenuta nei mesi di aprile, maggio e giugno, dopo la partenza a rilento dell’inverno soprattutto febbraio e marzo. In chiaroscuro giugno: lieve calo degli arrivi ma presenze in aumento.

La sintesi trasmessa dalla Provincia:

GENNAIO-GIUGNO 2014
La crisi economica si sente, e mostra i suoi effetti soprattutto nei comportamenti d’acquisto da parte dei turisti, non più solo italiani, ma anche di quasi tutti i mercati esteri nostri storici clienti. Restano però alti l’appeal e la competitività della provincia di Rimini. I dati evidenziano infatti una buona crescita degli arrivi turistici (+ 2,9%), dovuta principalmente al ‘ritorno’ in positivo, dopo un paio di anni di eclisse, del mercato italiano (+ 5% nel semestre). Cala invece, dopo il 2013 da record, il segmento estero (- 3,9%), nonostante il buon andamento del mese di giugno (+ 11,5%). Per quanto riguarda il dato dei pernottamenti (le presenze), si registra anche qui un più, in linea sostanzialmente con il dato dei primi sei mesi dello scorso anno (+ 0,2%), che trae origine dall’aumento dei pernottamenti da parte dei turisti italiani (+ 1,8%).

ITALIA E ESTERO
Il primo semestre 2014 mette in evidenza la risalita di quello che storicamente è il principale mercato turistico del territorio riminese, vale a dire quello interno. Dopo diverse stagioni di segno meno, compensate dalla crescita del segmento estero, si assiste nei primi sei mesi dell’anno in corso a un’inversione di tendenza con un + spiccato dei visitatori italiani sia per quanto riguarda gli arrivi (+ 5%) che le notti trascorse (+ 1,8%), a controbilanciare i meno esteri (- 3,9% arrivi e – 4,2% presenze).Più nel dettaglio crescono gli arrivi dall’Emilia Romagna (+ 11,8%), dalla Lombardia (+ 6,2%). Sul fronte estero, invece, a una crescita degli arrivi tedeschi (+ 1,8%) si assiste a una netta flessione della componente russa (- 17% nei sei mesi), leggermente più contenuta per quanto riguarda le presenze (- 11,6%).

IL MESE DI GIUGNO
Il mese di giugno ha fatto registrare un –0,1% di arrivi e un +2,1% di presenze. Gli arrivi sono stati pari a 527.141 (italiani 414.404, stranieri 112.737). Le presenze complessive ammontano a 2.679.046 (italiani 2.072.195, stranieri 606.851). Se sul fronte degli arrivi i dati comparati sono molto vicini (con un lieve calo quest’anno rispetto al 2013), la crescita dei pernottamenti (+2,1%) è il risultato soprattutto dell’incremento di quelli esteri (un +14,2%).

IL COMMENTO
“L’anno 2014 si era aperto con qualche sonnolenza di troppo – è il commento del presidente dell’Amministrazione provinciale di Rimini Stefano Vitalipoi recuperata con gli ottimi riscontri a partire dalla Pasqua per proseguire fino a tutto giugno. Rimarco la ripresa del mercato italiano perché, nel momento stesso in cui per diverse problematiche (tensione russo-ucraina, crisi economica interna) si affievolisce la spinta del turismo russo, essa va di fatto a compensare abbondantemente quelle difficoltà. Non solo, nella crescita del turismo interno trova anche riscontro una politica dell’incoming che si basa anche sull’attrattività dei grandi eventi (iniziative pasquali, festival del wellness, Super Bike, Notte Rosa). Resta intatto però il problema dei fatturati, al di là delle percentuali di riempimento delle strutture ricettive”.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione