Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Rimini

Abusivi. Blitz a parco Pertini. 9 denunce, 4 espulsi. Caucciù ancora nei guai

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 8 ago 2014 14:26 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Gli agenti conoscevano bene le loro abitudini e i loro spostamenti. S’incontravano tutte le mattine intorno alle 8 al Parco Pertini e, da lì, partenza per la spiaggia, distribuiti nei bagni tra il 100 e 130. Stamattina all’appuntamento c’erano anche la polizia di Stato e la Municipale. Prima sono state bloccate le vedette, coloro i quali, cioè, vanno in avanscoperta per vedere se è tutto tranquillo per poi dare il segnale ai loro ‘colleghi’ venditori abusivi. Questa mattina il segnale non c’è stato, e alla polizia è bastato aspettare qualche minuto per vedere arrivare 30 senegalesi pronti a partire per la giornata di lavoro. Sono stati intercettati all’altezza del sottopasso di via Leonardo da Vinci. Di questi 30 soggetti ( a tutti sono stati controllati i documenti), circa 15 sono stati portati in questura. Tra di loro due vecchie conoscenze: Caucciù, il facinoroso motivatore degli abusivi fermato tre giorni fa, e il ‘toscano’, soprannominato così per l’accento pisano. Entrambi i 35 enni considerati leader del gruppo di connazionali e responsabili di numerosi reati e condotte penalmente rilevanti nei confronti delle forze dell’ordine. Il toscano, che sarà rispedito a Pisa con foglio di via, è stato denunciato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale mentre Caucciù per inosservanza al foglio di via. La questura di Rimini ha già informato le Questure di Livorno e Pisa. Per entrambi, potrebbero esserci gli estremi, secondo la nuova normativa vigente, del ritiro del permesso di soggiorno.
Altri 7 trovati con merce contraffatta sono stati denunciati per ricettazione.
Degli identificati, quattro sono risultati clandestini e saranno portati al centro di identificazione ed espulsione di Bari.
Un’operazione chirurgica portata a termine con 60 uomini – l’ha definita così il vicequestore aggiunto Pedrottici siamo mossi con estrema precisione e questo è stato possibile anche grazie alla polizia municipale di Rimini che opera, insieme a noi, sul fronte dell’abusivismo.
Sequestrata anche merce contraffatta: un centinaio di borse e 140 paia di scarpe valore di mercato 18.000 euro.
Il blitz ha consentito di aprire un altro livello d’indagine: una decina di borsoni con merce contraffatta, è stata trovata nascosta vicino al bar del bagno 105 sotto un telone. Qualcuno dovrà spiegare cosa ci facevano lì.

Lucia Renati
lurenati@radioicaro.it

la foto newsrimini si riferisce al blitz di stamattina

Notizie correlate
di Redazione