giovedì 24 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mer 9 lug 2014 22:21 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Per il Ministero la variante è sostanziale perché cambia aree, quadro economico e tecnologia. incalza ha ribadito, inoltre, come il Ministero delle Infrastrutture, così come ha disposto la Corte Costituzionale, possa avere relazioni solo ed esclusivamente con la Regione, che dovrebbe, eventualmente, farsi promotrice presso il CIPE di una possibile variante sostanziale. Questo tra l’altro pone una situazione complessa visto il momento di impasse che vive la Regione Emilia-Romagna dopo le dimissioni del presidente Vasco Errani. A rappresentare l’Ente alla riunione di oggi c’era l’assessore Alfredo Peri che ha ribadito la decisione presa dal Comitato di Coordinamento la scorsa settimana, ovvero che il Comitato non ha alcuna intenzione di prendere in considerazione le varianti “sostanziali” presentate dal sindaco Tosi. C’è solo la disponibilità a considerare miglioramenti compatibili con gli obiettivi, il quadro finanziario e la natura del progetto già approvato e finanziato dal Cipe. All’incontro, oltre al sindaco di Riccione Renata Tosi erano presenti anche l’ingegnere Dal Prato per Agenzia Mobilità e l’Assessore Jamil Sadegholvaad, in rappresentanza del comune di Rimini.

Pur manifestando la nostra disponibilità ad un ulteriore confronto – commenta amareggiata il sindaco Tosi – manterremo la nostra decisione di procederei in ogni forma e in ogni sede all’impugnazione degli atti e alla puntuale realizzazione di una profonda verifica sui conti e sui bilanci di AM e dell’opera. Con l’obiettivo di rendere trasparente un progetto che presenta molti punti d’ombra e di opacità su cui vogliamo chiarezza“.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna