giovedì 17 ottobre 2019
menu
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
dom 13 lug 2014 20:22 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La 4×100 mista maschile italiana, infatti, ha chiuso al secondo posto la sua gara in 3’41”06, finendo dietro solo alla inarrivabile Russia (3’39”25) ma davanti alla Germania (3’41”20). Ottime le prove fornite dai due junior riccionesi: Sabbioni ha chiuso la sua frazione a dorso, che è la prima, in 54”43 tenendosi dietro il greco Christou che l’aveva battuto nella finale individuale dei 100 dorso. Sabbioni ha dato il cambio a Paganelli che, pur perdendo la testa della gara ha resistito bene nuotando in 1’03”26 e ha chiuso terzo dietro al russo ma vicinissimo al tedesco. Questo ha dato modo al delfinista Giacomo Carini e al liberista Alessandro Bori di attaccare e alla fine di precedere i tedeschi.

In mattinata gli azzurri si erano qualificati per la finale col terzo tempo (3’45”05) dietro alla Russia (3’43”72) e alla Polonia (3’44”68). Sabbioni aveva nuotato la sua frazione a dorso in 55”10 e Paganelli la rana in 1’04”12.

Per Simone Sabbioni questi campionati europei si chiudono così con un oro (50 dorso); due argenti (100 dorso e 4×100 mista maschile) e un bronzo (4×100 mista/mixed). Per Marco Paganelli un argento (4×100 mista maschile) e un bronzo (4×100 mista/mixed). Un risultato davvero entusiasmante per questi due ragazzi che ogni giorno faticano nello Stadio del Nuoto di Riccione.

Flavio Semprini
Ufficio stampa PolCom Riccione

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna