giovedì 24 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
lun 16 giu 2014 22:34 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Il presidente del Consiglio – spiega una nota congiunta dell’opposizione – è infatti una figura che, come noto, è garante di equità e pluralismo all’interno del Consiglio stesso; visto che il PD a queste elezioni è stato votato da meno di un cittadino su 2 (per essere precisi, il PD ha preso il 36% dei voti, considerando il totale degli aventi diritto), ci è sembrato che la nostra proposta fosse stata assolutamente equilibrata, ma soprattutto fosse una conferma di quella tanto sbandierata, anche in campagna elettorale, “nuova era di dialogo”.

Il sindaco Alice Parma all’incontro dell’11 giugno con tutti i rappresenanti delle forze in Consiglio aveva preso atto della proposta prendendo tempo per un confronto col gruppo del PD, visto che non poteva decidere in autonomia.
Non ricevendo risposta i consiglieri hanno allora contattato il segretario del PD e neo assessore Filippo Sacchetti, che avrebbe fatto sapere di un nome già individuato dal PD.
Suscitando ovviamente critiche: “se queste devono essere le basi per una comunicazione costruttiva e trasparente, operata da una amministrazione che voleva porsi come la novità e il cambiamento, l’obiettivo ci pare clamorosamente mancato”.

Firmatari sono:
Sara Andreazzoli – Movimento 5 stelle
Daniele Apolloni – Fratelli D’Italia
Luigi Berlati – Ci.Vi.Co.
Massimiliano Crivellari – Forza Italia
Luca Mazzotta – Movimento 5 stelle
Andrea Novelli – Una mano per Santarcangelo

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna