venerdì 18 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
mer 18 giu 2014 21:48 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Lo ricordano, con un comunicato, tutti i consiglieri del Movimento della Provincia di Rimini che ribadiscono di voler appoggiare qualsiasi iniziativa, politica o da parte della cittadinanza, in questa direzione.
La riflessione sui costi, che per i consiglieri andava fatta molto tempo fa, è quanto mai urgente oggi in un momento di ristrettezze economiche.
Dopo le controverse vicende degli esprori, i consiglieri ripartono dall’occupazione del cantiere ieri a Riccione.
“Cambiano le località, cambiano i colori delle giunte, ma le perplessità sull’opera restano le medesime. Il TRC é un’opera costosissima, specie in un momento come questo di forti ristrettezze economiche, interamente finanziata con soldi pubblici”.
Per il 5 Stelle i troppi soldi ormai spesi e le troppe consulenze sono il motivo per cui la politica non si è mai fermata a fare le opportune e necessarie riflessioni sui costi presenti e futuri.
“Il TRC non è una partita in solitaria tra Rimini e Riccione perché i costi di gestione del TRC graveranno su tutti i comuni del bacino provinciale del trasporto pubblico locale (TPL).
Ed è per questo che deve essere fatta chiarezza sui costi per l’interruzione del progetto e deve essere riconsiderata l’opera tenendo conto non solo di quanto è stato speso, ma di quanto costerà a tutti i comuni del bacino del TPL (area Provinciale) sostenere i costi di gestione che, come detto, non graveranno solo su riminesi e riccionesi”.
Per poi ribadire la stroncatura tante volte già espressa: “Un’opera inutile rispetto alle esigenze del trasporto locale, e di grande impatto ambientale, specie in un territorio come il nostro vocato al turismo”.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna