Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Icaro Sport

Volley C donne. Rimini Pallavolo, intervista a Maria Stella Cicoria

di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 24 ott 2012 09:46 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Seconda maratona e seconda vittoria al tie-break per la Rimini Pallavolo (C femminile, gir. C), che in un PalaRodari gremito, dopo il successo a Longiano, è riuscita a fare sua anche la sfida con l’Sg Volley, il primo di una serie infinita di derby. Una stracittadina in cui le ragazze di Stefano Bertaccini hanno fatto il bello ed il cattivo tempo, rendendosi protagoniste magari per qualche passaggio a vuoto, specie in ricezione e in ricostruzione, ma soprattutto per i loro colpi risolutori, su tutte quelli di Maria Stella Cicoria, migliore in campo grazie pure ai suoi 22 palloni messi a terra. “È stato un match abbastanza impegnativo – racconta la schiacciatrice – e devo dire che siamo state brave a gestire il quinto set e a vincere la partita, ma ancora siamo all’inizio. Siamo tante ragazze nuove che vengono da realtà differenti, chi dalla Prima Divisione, chi dalla D, chi dalla C e chi dalla B, per cui il gruppo si deve amalgamare. Senza nulla togliere a San Giuliano, che ha giocato una buona gara, penso possiamo fare di più. Il nostro limite non è quello di sabato: abbiamo un potenziale enorme e basterebbe soltanto evitare alcuni errori per togliere punti facili ai nostri avversari. Dobbiamo crescere, lavorare unite e cercare di fare del nostro meglio, visto che sono passati soltanto due incontri. Speriamo che la prossima (sabato ore 21 contro la Lar Marignano ultima in classifica, ndr) non finisca di nuovo 3-2, ma che fili via più tranquilla”. Proveniente da Riccione, ma già in passato “alle dipendenze” del presidente Campana (“è stato Bertaccini a chiamarmi alla fine della stagione e a volermi qui”), il martello classe ’86 dopo la gravidanza del 2010, pur traslocando da attacco a 2 ad attacco a 3 di posto 4, non ha comunque smarrito la propria efficacia sotto rete. “Essendo rimasta ferma un anno e mezzo, è normale che il mio rendimento in attacco sia calato. Adesso logicamente è diventata più importante la ricezione”.

Ufficio stampa
Rimini Pallavolo